Giacomo Donati Clarke a bordo della sua auto

Per favore aiutateci a ritrovarlo. Siamo disperati“, avevano dichiarato straziati i familiari di Giacomo Donati Clarke, il giovane 22enne italo-inglese scomparso nel nulla da oltre 48 ore. Ora la drammatica notizia che informa del ritrovamento del suo corpo, privo di vita, a Siena.

Giacomo, trovato morto nella sua auto

Come sapevamo al momento della scomparsa, lunedì mattina Giacomo Donati Clarke sarebbe dovuto partire intorno alle 11 alla volta di Siena, partendo da Firenze. Un viaggio non troppo lungo che avrebbe dovuto condurlo tra le braccia dei suoi familiari a Montestigliano, dove hanno un agriturismo. Alla meta però il giovane 22enne non è mai giunto: cellulare spento e l’ultima notizia datata alle ore 9:56, quando il giovane aveva inviato un sms alla fidanzata in Inghilterra.

Forse vittima di un incidente stradale

Oltre 48 ore di silenzio in cui hanno fatto capolino le parole dei familiari di Giacomo, disperati e incapaci di capire cosa potesse essergli accaduto. Un silenzio rotto oggi dal ritrovamento del suo corpo all’interno dell’auto sulla quale stava viaggiando. Un incidente stradale forse, in provincia di Siena (precisamente nel comune di Sovicille, a Orgia) in cui il 22enne ha perso la vita. L’auto infatti, come si apprende su La Nazione, è stata ritrovata praticamente distrutta nella vegetazione.

Al momento la ricostruzione formulata dagli inquirenti è pressoché abbozzata: si ipotizza che Giacomo Donati Clarke sia uscito di strada a bordo della sua Lancia Y per motivi che sono da chiarire e ora al vaglio degli agenti.

La conferma in questi momenti anche sulle pagine Facebook di familiari e amici del ragazzo che sin dal momento in cui era stato lanciato l’allarme si erano mobilitati nella sua ricerca. “Qualche ora fa – scrive su Facebook un amico – È arrivata la tragica notizia. Jimmy non è più qui insieme a noi. Grazie a tutte le persone che hanno condiviso i post e si sono rese utili nella ricerca per uno dei nostri amici più cari“.