Ilaria Cucchi e Matteo Salvini

Ilaria Cucchi ha querelato Matteo Salvini per diffamazione. La conferma arriva dalla stessa sorella di Stefano Cucchi, che sui social ha pubblicato uno stralcio dopo il deposito in Procura a Roma. La donna ha rivolto un messaggio al leader leghista: “Deve smetterla di fare spettacolo sulla nostra pelle“.

Ilaria Cucchi querela Matteo Salvini

Lo aveva annunciato qualche giorno prima e adesso è passata ai fatti: Ilaria Cucchi ha querelato Matteo Salvini per diffamazione, con denuncia formalizzata dal legale Fabio Anselmo.

La sorella di Stefano Cucchi aveva anticipato le sue intenzioni a margine della sentenza di condanna per omicidio preterintenzionale emessa a carico di 2 carabinieri.

La querela riguarda le affermazioni del leader leghista che, nel commentare l’esito del giudizio, pur dicendosi vicino alla famiglia del giovane aveva detto: “Questo testimonia che la droga fa male sempre e comunque“.

Il messaggio dopo la denuncia

Ilaria Cucchi ha pubblicato l’atto di querela contro Salvini sui social, e ha affidato al suo profilo Facebook un messaggio diretto all’ex vicepremier: “Ora basta. Lo devo a Stefano, a mio padre ma soprattutto a mia madre. Questo signore deve smetterla di fare spettacolo sulla nostra pelle“.

Nel commentare le dichiarazioni del leader leghista, la sorella di Stefano Cucchi aveva espresso una posizione di forte apertura allo scenario di una denuncia, parlando ai microfoni di Lucia Annunziata alcuni giorni prima della decisione definitiva di procedere.

Salvini delle volte mi fa sorridere, è veramente imbarazzante. Quel giorno, dopo dieci anni, c’erano state le condanne per omicidio preterintenzionale per la morte di mio fratello, lui forse vive in un’altra dimensione, non si è reso conto della cosa“.

La famiglia del ragazzo morto nel 2009 ha sempre sottolineato un nodo cruciale della vicenda, come ribadito dalla stessa Ilaria Cucchi: “Stefano non è morto a causa della droga: questo lo abbiamo appurato nel processo“.

Nel testo della querela si legge quanto segue: “Denuncia – querela nei confronti di Matteo Salvini, nonché di chiunque altro venga ritenuto responsabile per i reati di cui all’art. 595, 3° comma c. p.“.