Auto dei Carabinieri

Il caso di violenza arriva dal napoletano, dove le indagini dei Carabinieri hanno portato all’arresto di un uomo, 30enne extracomunitario. L’uomo lo scorso ottobre avrebbe sequestrato e violentato una ragazza di 17 anni, che poi ha sporto denuncia.

La molestava da anni

Lo scorso 8 ottobre una giovane di 17 anni si è presentata dai carabinieri di Grumo Nevano (provincia di Napoli), per denunciare una grave violenza sessuale subita. La ragazza, accompagnata dal padre, ha raccontato ai militari che un uomo l’avrebbe costretta a salire in auto, l’avrebbe quindi portata in un luogo isolato e lì legata e stuprata.


Ai Carabinieri, riporta Il Mattino, la 17enne avrebbe inoltre confessato che questa vicenda succede a 2 anni in cui l’uomo l’avrebbe perseguitata e molestata.

Arrestato e accusato di numerosi reati

Il gip del Tribunale di Napoli Nord ha quindi deciso di emettere un mandato di cattura per il 30enne, residente nel paese napoletano di Casandrino. Le indagini infatti hanno portato al provvedimento grazie non solo alla testimonianza della vittima, ma anche a telecamere di sorveglianza e intercettazioni telefoniche. L’uomo inoltre sarebbe stato aiutato da altre persone a sequestrare la 17enne.


Si era reso irreperibile, ma ora i Carabinieri di Giugliano l’hanno arrestato, 2 mesi dopo la violenza. Ora è accusato di violenza sessuale, sequestro di persona e atti persecutori.

L’ennesimo caso di sequestro e violenza

Purtroppo, quello della 17enne del napoletano non è un caso isolato. Di oggi la triste notizia di una donna appesa ad un albero e picchiata dall’ex compagno. Solo ieri la notizia di una 53enne rapita e costretta a subire violenza sessuale dall’ex cognato, ora agli arresti. Riguardo la violenza su minori, invece, hanno fatto specie le parole del padre della 13enne stuprata da un branco per 2 anni, la cui famiglia è stata costretta a trasferirsi anche per via della reazione del Paese.


Tutti casi, compreso quello della 17enne, che denotato un problema violenza sulle donne in Italia.