adriana volpe gf vip

Adriana Volpe, concorrente del Grande Fratello Vip, si confronta con Alfonso Signorini sul suo rapporto burrascoso con Giancarlo Magalli. Tra la conduttrice e il collega è stata guerra fredda per un bel po’ di tempo, e i due si sono scambiati diversi attacchi anche sui giornali. Adriana ha parlato con i coinquilini della storia e ribadito di essere pronta a un confronto, ma che difficilmente ci potrà essere.

Adriana Volpe contro Magalli: “Ne cambiava una l’anno”

Adriana Volpe ha parlato di una vicenda molto delicata, i frequenti diverbi con Giancarlo Magalli.

La conduttrice ricorda come Magalli scrisse in un commento su Facebook, dopo che l’aveva insultata in diretta: “Io non ce l’ho con tutte le donne, ce l’ho con lei. Se le donne sapessero come ha fatto lavorare per 20 anni…”. Adriana Volpe si è detta molto ferita dalle parole del conduttore, che non sarebbe stato più tenero con le altre colleghe. “Sono l’unica che ha resistito, ne cambiava ogni anno, lavoravano il primo anno, forse il secondo poi via. Lui rimaneva“, racconta. Da parte della Rai, continua Volpe, “Provvedimenti non ci sono mai stati.

Quando tu denunci, tu diventi il problema“.

Da parte della Rai “un muro di gomma”

La conduttrice ha spiegato che l’atteggiamento di Viale Mazzini sull’accaduto l’ha molto delusa. “A ferirmi è stato il fatto che esista una commissione delle Pari Opportunità in Rai che dovrebbe essere un organo garante“, spiega, “Io quando ho preso un appuntamento a settembre o ottobre, e dopo due anni dall’accaduto, mi hanno detto ‘Noi non ne sappiamo nulla’. Trovi un muro di gomma“. Riguardo a Magalli ha raccontato a Signorini che l’unico modo per far crollare “questo muro tra noi due” sarà “quando uno chiede scusa“.

Adriana Volpe non è convinta che l’ex collega sarebbe sincero: “Quello che ho sentito è ‘Non parlo con lei perché si sta facendo pubblicità con questa storia’. Sono pronta a un confronto, è dal 2017 che lo aspetto. Ho ricevuto scuse in diretta per quello che era successo in trasmissione, perché ce lo hanno costretto, e da quel momento non mi ha mai più parlato e guardato negli occhi“.