Spettacolo

I Pinguini Tattici Nucleari, la “quota indie” di Sanremo 2020

Il conto alla rovescia per Sanremo 2020 è appena iniziato. Fra i 24 big della canzone italiana vi sono anche i Pinguini Tattici Nucleari, definiti la "quota indie" del Festival. Una band nata 10 anni fa nella periferia bergamasca i cui membri sono 6 ragazzi che rivelano di aver fatto nascere il gruppo in maniera del tutto casuale.
pinguini tattici

Il conto alla rovescia per Sanremo 2020 è ufficialmente iniziato. In occasione della trasmissione I Soliti Ignoti del 6 gennaio, Amadeus ha svelato i nomi dei 24 Big della musica italiana che parteciperanno alla 70esima edizione del Festival di Sanremo. Fra i partecipanti spicca il nome di un gruppo che si potrebbe definire la “quota indie” del Festival, I Pinguini Tattici Nucleari.

I Pinguini Tattici Nucleari: una band nata in maniera casuale

Il gruppo è composto da 6 ragazzi provenienti dalla periferia bergamasca. Si presentano al pubblico in maniera del tutto semplice e naturale, senza mai prendersi troppo sul serio e cantando di temi di vita quotidiana, in cui la gran parte dei giovani ci si può rispecchiare.

Infatti i loro testi parlando di amore, tematiche sociali, citano grandi artisti della musica italiana come Vasco Rossi o attori che hanno segnato la storia del cinema, come Massimo Troisi, ma nei loro brani fanno riferimento anche a personaggi che hanno segnato l’infanzia di molti adolescenti di oggi, uno fra tanti è Harry Potter. Uniti dalla passione per la musica, hanno rivelato di aver dato vita alla band 10 anni fa in maniera del tutto casuale.

Le origini dei Pinguini Tattici Nucleari

Il nome del gruppo trae ispirazione da una birra scozzese, Tactical Nuclear Penguin, il cui particolare è il suo tasso alcolico molto elevato.

Invece, il nome del brano con il quale si esibiranno sul palco dell’Ariston è Ringo Starr. Come hanno spiegato i componenti del gruppo durante il programma I Soliti Ignoti, si tratta di un omaggio al cantante dei Beatles, Ringo Starr, ed hanno aggiunto: “è un pezzo che parla un po’ di debolezza“.

Andando indietro nel tempo, agli esordi della band, sappiamo che il loro 1° EP, intitolato Cartoni Animati e contenente solo 5 brani, l’hanno lanciato nel 2012.

Il 2014 è stato invece l’anno del loro 1° album, dal nome Il Re è nudo, nel quale vi erano una intro e 7 brani.

I Pinguini Tattici Nucleari hanno continuato a lavorare sodo e, ad un solo anno di distanza, hanno pubblicato il 2° album dal titolo Diamo un calcio all’Aldilà. Nel 2017, con 11 tracce e una intro, esce anche il 3° album Gioventù bruciata. Infine, nel 2019 è uscito l’ultimo album della band, Fuori dall’hype, che ha riscosso un notevole successo già nella prima settimana dell’uscita. Un successo che li vedrà protagonisti nel corso del Festival di Sanremo 2020.

La band presto sul palco dell’Ariston

L’annuncio dell’imminente partecipazione al Festival della Canzone Italiana l’hanno dato proprio i membri del gruppo, i quali, con la solita originalità che li contraddistingue, hanno scritto un post su Instagram, rendendo partecipi al loro entusiasmo anche gli oltre 180mila followers del loro account ufficiale.

Potrebbe interessarti