Cronaca

Salvini, l’appello del minorenne: “È una brutta cosa, togli quel video”

L'avvocatessa Cathy La Torre ha intervistato il giovane accusato da Salvini di essere uno spacciatore. Lancia un appello a togliere quel video per riavere la sua vita
Matteo Salvini e Cathy La Torre

Non si placano le proteste per l’ultimo gesto eclatante di Matteo Salvini: citofonare a casa di un famiglia per domandare se siano spacciatori. Dopo l’intervista a Fanpage al giovane minorenne accusato, lo stesso è stato intervistato dall’avvocatessa e attivista Cathy La Torre. Nel video su Facebook, lancia un appello: “Salvini, togli quel video“.

Chi è il ragazzo messo alla gogna da Salvini

Ha la cadenza un po’ impacciata, quei vari “cioè” tipici di un’età in cui parlare con gli adulti non mette ancora a proprio completo agio.

Ha anche un forte accento bolognese, perché lo è di nascita: non tunisino, come indicato da Salvini e rilanciato nelle prime notizie, ma italiano. Eppure ora tutta Italia lo conosce come Iaia, il tunisino spacciatore.
Da quando Matteo Salvini ha citofonato a casa sua per domandare al padre se lui e il figlio fossero uno spacciatore, le cose sono cambiate: la famiglia di Iaia (il nome lo fa Salvini stesso) è additata. Ma lui, lo ribadisce più volte, ha 17 anni, gioca a calcio e non ha mai spacciato. Lo ha ribadito anche in una video intervista con Cathy La Torre, avvocatessa e attivista LGBT che ha tenuto a sottolineare ancora una volta la gravità delle accuse di Salvini.

La video intervista al ragazzo accusato

Sul suo profilo Facebook, Iaia parla di spalle per proteggere quel poco di privacy che gli è restata. Salvini lo ha accusato basandosi sulle parole di una vicina e, senza alcuna autorità giudiziaria, ha affrontato la famiglia. “Mi viene da pensare: adesso la gente come mi guarda?” dice il giovane. Che poi ribadisce ancora la sua verità: padre lavoratore, lui giocatore di calcio con buone speranze, diventerà padre lui stesso tra pochi mesi e non ha precedenti (al contrario del fratello, che però non vive più lì).

Quindi l’appello: “Salvini, togli quel video. Voglio continuare la mia vita di prima“.

Il video è accompagnato dalle parole di Cathy La Torre, che cerca di inquadrare il gesto di Salvini: “Serviva dare in pasto ai suoi fan l’immigrato delinquente. Ma ancora una volta, al Capitano, ha detto male. Si è scusato per il video in cui ha preso in giro un ragazzo dislessico. Questa volta le scuse non credo basteranno“.

https://www.facebook.com/latorre.cathy/videos/10221191257993803/

Potrebbe interessarti