Elodie

La separazione dei genitori a 9 anni, una sorella minore da proteggere in un tessuto familiare in cui la violenza non era un’estranea. Sono alcuni dei passaggi chiave dell’esistenza di Elodie prima del successo e di tutto quello che l’ha portata a Sanremo. Lo ha rivelato ai microfoni di Vice, in un’intervista che affonda l’occhio sulla vera storia dell’artista oltre l’immagine di “principessa”.

Elodie: il passato difficile

Elodie Di Patrizi, in arte semplicemente Elodie, ha tracciato il perimetro della sua infanzia e delle sue origini al quartiere Quartaccio, zona difficile di Roma.

Il suo è un racconto che arriva dopo Sanremo 2020, dove ha calcato il palcoscenico dell’Ariston con Andromeda, brano scritto da Mahmood e Dardust.

Eletta icona di stile al Festival, brillante e impeccabile ma lontana anni luce dall’idea di stella dal passato sfavillante e con un percorso spianato verso il successo. È così che si è descritta ai microfoni di Vice, svelando angoli di un mondo personale e artistico finora inesplorati ai più.

Ho avuto un’infanzia particolare. I miei si sono separati quando ero molto piccola, avevo 8-9 anni.

C’era violenza a casa, non si sono separati bene. Io ho una sorella più piccola, cercavo di essere protettiva. Sono stata molto inc****a con la mia famiglia, perché è giusto preservare l’infanzia del bambino, io non capivo. Io sono cresciuta troppo presto“.

Il primo album cucito sulla sua pelle

This is Elodie è il nuovo album dell’artista, il primo, a suo dire, che centri appieno la sua storia e la metta a fuoco traducendola in musica, spine comprese. Un lavoro discografico che, seguendo il suo racconto, sembra cucito sulla sua pelle e su quelle origini di cui va tanto orgogliosa ma dove si annidano episodi e situazioni non sempre facili da vivere.

È come se fosse il mio primo disco, perché ci ho lavorato a 360 gradi. Ho un background di vita che non è ‘classico’. Certe volte il pop e la musica leggera. sono utilizzati come se tu fossi una principessa. Quindi mi piaceva l’idea di avere un disco che raccontasse me nelle varie fasi, apparentemente distanti da quella che oggi è la mia realtà“.

Il rapporto con i genitori e Amici

Elodie ha svelato di aver ereditato la passione per la musica dal padre, artista di strada per tanti anni e per lungo tempo motivo di ‘vergogna’ per lei: “Quando suonava, mia madre faceva la colletta.

Alcuni credevano che facesse l’elemosina, ma poi questa cosa mi ha aiutato a fregarmene veramente poco di quello che pensa la gente“.

Poi è arrivato il suo trasferimento a Lecce e l’inizio del lavoro di cubista, che ha svolto per anni e che è lo stesso che sua madre faceva e che per lei fu inizialmente fonte di rabbia.

I primi passi nella musica e il successo sono arrivati anche grazie all’incoraggiamento del padre, in un microcosmo di fatti e risvolti non sempre facili che la cantante ha svelato a cuore aperto, per molti un bilancio del tutto inedito e sorprendente.

Maria non ha mai strumentalizzato la mia storia“, ha precisato parlando della De Filippi e della sua straordinaria esperienza ad Amici.

*immagine in alto: fonte/Instagram Elodie, dimensioni modificate