uomo in coma in ospedale

Si può finalmente tirare un sospiro di sollievo per Mattia, il 38enne presentatosi all’ospedale di Codogno in gravi condizioni e rinominato nelle ultime settimane come il Paziente 1. Lui e la moglie, incinta di 8 mesi, erano stati entrambi ricoverati con una grave infezione polmonare da Covid-19.

La donna è stata dimessa, mentre per lui si sono susseguite settimane segnate da una forte preoccupazione. Intorno al 1° marzo scorso, le sue condizioni erano gravi ma ora la situazione sembra essersi ribaltata in senso positivo.

Il paziente 1 parla

Mattia si è svegliato e riesce a parlare.

È questo l’ultimo importante aggiornamento in merito alle condizioni del 38enne di Codogno, uscito dalla terapia intensiva nella giornata di lunedì, Mattia si sarebbe rivolto ai medici chiedendo loro se fosse a Lodi. Il manager della Unilever ora respira autonomamente con un ancora un po’ di ossigeno, ma è cosciente.

Il responsabile della Terapia intensiva al Policlinico di San Matteo di Pavia ha confermato che si spera di poterlo trasferire al più presto in medicina e poi a casa per la convalescenza.

Approfondisci:

TUTTO SUL CORONAVIRUS

Coronavirus, l’OMS lo classifica ufficialmente come “pandemia”

Coronavirus: l’infermiera mostra i lividi sul volto e lancia un appello