Nicola Porro su Instagram

Nicola Porro aggiorna i fan sulle sue condizioni di salute. Dopo aver annunciato, lo scorso 9 marzo, di essere malato e aver contratto il Covid-19, oggi sembra stare meglio.

L’annuncio di Nicola Porro

Il vicedirettore de Il Giornale e volto noto di Mediaset sta meglio e con un video postato sul suo profilo Instagram ha voluto rincuorare i fan. “Cari amici, la febbre non ce l’ho più, quindi probabilmente questo virus l’ho sconfitto”. Ha detto richiamando i tanti casi come il suo, dove si supera la malattia stando a casa e curandosi con medicinali di base.

Il racconto di Porro però, dopo i dovuti aggiornamenti, prende una piega diversa. Il giornalista infatti ha fatto un appello.

L’appello di Nicola Porro

Vedo che tutti fanno gli appelli” dice, riferendosi a tutti coloro del mondo dello spettacolo e dell’imprenditoria che si sono lanciati in appelli accorati a stare a casa e donazioni ad ospedali e terapie intensive.

Siccome il problema di questo virus riguarda la Lombardia, riguarda in particolare coloro che vanno in terapia intensiva, riguarda la mancanza di ventilatori (…) Io faccio un appello solo e concreto” rivolgendosi al governo “Perché non permettono alla Regione Lombardia e alla Fiera di Milano, che sono pronti di fare un ospedale da 400 persone, di fare l’ospedale alla vecchia Fiera perché tutto è pronto”.

Il giornalista si riferisce allo stop al progetto del mega ospedale alla Fiera di Milano.

L’attacco al governo

Porro, con toni colmi di rabbia e irritamento nei confronti del governo, riprende quanto già detto nei video precedenti, definendo incapaci e cialtrone le persone che stanno ora gestendo l’emergenza.

Per alcune persone è la morte se non hanno l’assistenza adeguata”.

Per Porro, visto che l’emergenza è principalmente in Lombardia: “Permettiamo alla Lombardia di derogare a tutte quante le norme e farsi il suo ospedale, sarebbe la cosa più semplice”.

Guarda il video:

Approfondisci:

TUTTO SUL CORONAVIRUS

Giuliana De Sio positiva al Covid-19 e in isolamento allo Spallanzani