Il governatore Fontana

Continuano le misure di contenimento per tutelare il più possibile i cittadini italiani in questa sempre più drammatica emergenza da Coronavirus. In serata è arrivato l’annuncio, dopo la stretta della Regione Veneto e della Regione Campania, si aggiungono anche le Regioni Lombardia e Piemonte con una nuova ordinanza ancora più restrittiva.

Lombardia: stop a cantieri e uffici

È stato lo stesso governatore della Regione Attilio Fontana ad annunciare la nuova ordinanza. A partire dal 22 marzo, fino al 15 aprile, c’è lo stop alle attività di uffici pubblici, studi professionali e cantieri che non hanno correlazioni con l’emergenza sanitaria o rilevanza sociale.

Oltre allo stop delle attività pubbliche, il governatore Fontana ha vietato anche le attività sportive e motorie all’aperto, svolte anche singolarmente.

Le nostre autorità sanitarie ci impongono di agire nel minor tempo possibile. La situazione non migliora, anzi, continua a peggiorare”. Per quanto riguarda invece le farmacie e i supermercati, questi rimarranno aperti, ma il governatore si è raccomandato con i titolari delle singole attività di tutelare la sicurezza dei dipendenti e non solo, devono anche “Provvedere alla rilevazione della temperatura corporea”.

Le stesse misure saranno applicate nella Regione Piemonte e sono quelle già presentate nei giorni scorsi dal governatore della Regione Campania De Luca.

Ammenda da 5mila euro

Fontana ha anche annunciato la chiusura delle attività ricettive, ad eccezione di quelle che hanno scopo sanitario. Inoltre è prevista un’ammenda fino a 5mila euro per coloro che non rispetteranno il divieto di assembramento nei luoghi pubblici.

Approfondisci:

TUTTO SUL CORONAVIRUS

Lutto per Piero Chiambretti: è morta mamma Felicita

Coronavirus: agente della scorta di Conte positivo al virus. È grave