Giuseppe Conte alla camera dei deputati

Di questi l’informativa alla Camera dei Deputati di Giuseppe Conte sui provvedimenti del Governo adottati per contrastare i rischi dettati dall’emergenza legata alla diffusione del Coronavirus.

Giuseppe Conte, il forte messaggio ai medici

Le prime parole pronunciate da Conte arrivano a ringraziare le persone che in questo momento si stanno esponendo ai rischi legati al Covid-19 per il bene della collettività quali medici, infermieri, Forze dell’Ordine: “Rischiano la vita per salvare quella degli altri. Nei giorni scorsi mi ha scritto Michela, infermiera di Senigallia. Mi ha scritto questa lunga lettera pubblica alla quale non sono ancora riuscito a rispondere – dichiara Conte – Con grande dignità mi ha chiesto che i rischi che stanno correndo non siano dimenticati quando l’emergenza non sarà finita“.

È seguita poi la forte risposta del Presidente del Consiglio: “Noi non ci dimenticheremo di voi e di queste giornate così rischiose e così stressanti“.

Non sono ovviamente mancate parole per descrivere l’operato del Governo, chiamato a gestire un’emergenza come non si vedeva dal secondo dopoguerra: “Stiamo combattendo un nemico invisibile e insidioso che entra nelle nostre case e divide le nostre famiglie – dichiara Conte – Una sfida al contempo sanitaria, economica e sociale che ci coinvolge tutti“.

Siamo all’altezza del compito che il destino ci ha riservato?

Il governo, e chi vi parla in particolare, è pienamente consapevole che dalle scelte discendono conseguenze di immane portata per la vita fisica innanzitutto dei cittadini, scelte che condizioneranno anche il futuro della nostra comunità“, prosegue poi Conte, ponendo in ultimo l’accendo su un interrogativo “Siamo all’altezza del compito che il destino ci ha riservato?“.

Conte: “È il tempo dell’azione

Di fronte alla critiche mosse proprio contro il governo in questi giorni, resosi protagonista di drastici provvedimenti, Conte velatamente risponde chiedendo tempo e chiedendo di aspettare la fine dell’emergenza: “Tutti hanno la possibilità di sindacare, frigido pacatoque animo quanto svolto e trarne le conseguenze“.

Conte sottolinea, in questi delicati momenti, l’importanza dell’azione da prediligere a qualsiasi parola o polemica possa scaturirne. “

È il tempo dell’azione, della responsabilità dalla quale nessuno può fuggire, e la responsabilità massima compete al governo. Per questo sono qui a riferire delle nostre azioni ma la responsabilità, non mi stanco di dirlo, è di tutti i cittadini e anche di voi – chiosa Conte rivolgendosi ai membri del Parlamento -Perché mai come ora siamo chiamati a conformare tutte le nostri azioni verso il bene comune“.

Non avrei mai immaginato di vedere sfilare autocarri dell’Esercito con le bare

E sempre nel corso dell’informativa Conte annuncia ulteriori provvedimento: “Non avrei mai immaginato di vedere sfilare autocarri dell’Esercito con le bare. Sono giorni terribili, commossa vicinanza ai familiari delle vittime“. “Ci rendiamo conto che l’intervento fin qui effettuato, comunque significativo, non è sufficiente – spiega Conte – È per questo che stiamo lavorando per incrementare il sostegno al credito, che oggi porta a mobilitare 350 miliardi: con il nuovo intervenendo confidiamo di pervenire a un sostegno altrettanto significativo e con stanziamenti di non minore importo rispetto ai 25 miliardi già stanziati“.

Approfondisci

TUTTO SUL CORONAVIRUS

Coronavirus in Italia, ultime notizie: i dati aggiornati del 25 marzo

Guido Bertolaso ricoverato al San Raffaele di Milano