Studenti con zaini fuori da scuola

Il lungo periodo di quarantena dovuto dall’emergenza Coronavirus ha imposto sin da subito il problema della continuazione dell’attività scolastica. Le scuole, di diverso ordine e grado, si sono organizzate per continuare la didattica a distanza, ma in loro aiuto adesso arriva anche la televisione ed in particolare la Rai. 

L’azienda Rai ridefinisce il palinsesto televisivo e si arricchisce di nuovi contenuti, educativi e culturali. Grazie ad uno speciale accordo tra il Ministero dell’Istruzione e la Rai, l’azienda dal servizio pubblico vede un potenziamento dei canali Rai Storia e Rai Cultura, e la nascita di nuove sezioni, con nuovi contenuti, su RaiPlay e sul sito Rai Scuola.

#LaScuolaNonSiFerma: l’accordo tra Azzolina e Salini

L’iniziativa nasce dall’accordo firmato tra la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina, e l’Amministratore delegato Salini con l’hashtag #LaScuolaNonSiFerma, ed è rivolto non soltanto agli studenti ma anche  a docenti, dirigenti scolastici e famiglie.  

La ministra Azzolina a tal proposito ha dichiarato tramite un comunicato: “Ringrazio la Rai per il supporto che sta dando e che continuerà a dare, rafforzando la propria offerta dedicata alla scuola e rendendola sempre più visibile e accessibile per studenti, insegnanti, personale della scuola, famiglie”.

Si dichiara anche particolarmente soddisfatto l’AD di Rai Salini: “È un grande onore e un dovere per la Rai realizzare un progetto di indubbio valore insieme al Ministero dell’Istruzione, in coerenza con la migliore tradizione dell’azienda”– Salini sottolinea l’importante ruolo della Rai- “Da sempre la Rai svolge un ruolo cruciale nella scolarizzazione e nella formazione degli italiani”.

Cosa trovare su Rai Scuola

Sul sito Rai Scuola, sotto l’ hashtag #LaScuolaNonSiFerma è possibile trovare moltissimi contenuti di qualità, di qualsiasi genere: storia, scienza.

musica, curiosità e approfondimenti.

I contenuti sono inoltre già suddivisi per ordini e gradi scolastici, non mancano consigli e informazioni per studenti, ma anche per insegnanti.

Non solo ma si possono trovare anche alcuni giochi per i più piccoli che ancora non vanno a scuola ma che possono sviluppare in questo particolare momento tante abilità e nuova capacità. Buon divertimento a tutti!

Approfondisci

Tutto sul Coronavirus

Coronavirus: “La scuola non sarà più la stessa”

Coronavirus, scuola: la decisione sul recupero delle lezioni ed esami di Stato