il primo ministro dell'Albania Edi Rama

L’Albania dà una lezione di solidarietà a tutto il mondo, inviando medici in aiuto all’Italia nell’emergenza coronavirus. Un gesto, ha spiegato il primo ministro Edi Rama, volto a ricambiare l’aiuto che il nostro Paese ha dato durante le crisi che hanno attraversato lo Stato balcanico. Uno sforzo notevole per l’Albania, che dimostra come davanti “il nemico invisibile” la fratellanza sia l’arma più forte.

Edi Rama: “Gli italiani ci hanno ospitati quando l’Albania bruciava”

Il premier Edi Rama, annunciando l’invio di 30 medici in Italia, ha pronunciato un commovente discorso, ricordando i legami di solidarietà che uniscono i nostri due Paesi.

A qualcuno qui in Albania sembrerà strano che 30 medici e infermieri della nostra piccola armata in tenuta bianca partono oggi per la linea del fuoco in Italia“, dichiara Rama, “Anche laggiù è oramai casa nostra, da quando l’Italia e le nostre sorelle e fratelli italiani ci hanno salvati, ospitati e adottati in casa loro quando l’Albania bruciava di dolori immensi“.

ITALIA ËSHTË SHTËPIA JONË🇦🇱🇮🇹 SOT JEMI TË GJITHË ITALIANËITALIA E CASA NOSTRA🇦🇱🇮🇹OGGI SIAMO TUTTI ITALIANI

Pubblicato da Edi Rama su Sabato 28 marzo 2020

Gli amici nel momento del bisogno

Edi Rama spiega che, benché la minaccia riguardi anche il suo Paese, le riserve di medici non posso stare con le mani in mano aspettando che l’ondata li colpisca.

In Italia si stanno curando negli ospedali di guerra anche albanesi. Feriti dal nemico, hanno un enorme bisogno di aiuto“.

Il discorso è una lezione per chi, anche se ha le possibilità, preferisce la strada dell’egoismo: “Tutti sono rinchiusi dentro le loro frontiere, anche Paesi ricchissimi hanno girato la schiena agli altri. Ma forse perché noi non siamo ricchi e neanche privi di memoria, non ci possiamo permettere di non dimostrare all’Italia che gli albanesi e l’Albania non abbandonano mai l’amico in difficoltà“.

Coronavirus, una lezione di umanità

In Italia il gesto dell’Albania ha suscitato reazioni commosse, specie in confronto alla dura contrapposizione che invece dimostrano alcuni partner europei. Federica Mogherini, ex Alto rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza, ha twittato a questo proposito: “Grazie Edi Rama e Albania. Per l’aiuto e per la lezione di solidarietà. Spero che altri la ascoltino, e che gli italiani la ricordino“.

Tante altre figure politiche hanno ringraziato il primo ministro albanese, come lo stesso presidente Conte e il ministro degli Esteri Luigi Di Maio: “La solidarietà verso l’Italia non ha confini e anche l’Albania oggi ha dimostrato di avere un grande cuore“.

La solidarietà verso l’Italia non ha confini e anche l’Albania oggi ha dimostrato di avere un grande cuore. A Fiumicino…

Pubblicato da Luigi Di Maio su Sabato 28 marzo 2020

Anche la Protezione Civile ha elogiato il grande sforzo dell’Albania: “A novembre una forte scossa di terremoto colpì l’Albania. La macchina dei soccorsi italiana si mobilitò immediatamente inviando sul posto medici, volontari di protezione civile, tecnici e squadre di ricerca e soccorso. Oggi è l’Albania a supportare la nostra risposta all’emergenza Coronavirus con un team di medici e infermieri da impiegare in Lombardia“.

A novembre una forte scossa di terremoto colpì l'Albania. La macchina dei soccorsi italiana si mobilitò immediatamente…

Pubblicato da Dipartimento Protezione Civile su Domenica 29 marzo 2020

Approfondisci:

TUTTO sul coronavirus

Carlo Urbani: 17 anni fa il sacrificio del medico-eroe contro la Sars

Coronavirus, nel mondo oltre 600mila contagiati e 30mila morti