Nicoletta Dosio

Nicoletta Dosio, leader del movimento NoTav, ha lasciato il carcere delle Vallette per scontare il resto della pena ai domiciliari, nella propria casa di Bussoleno, in Val di Susa.

L’attivista ha richiesto di scontare la pena a casa

Nicoletta, 73 anni, pensionata, inizialmente aveva rifiutato la detenzione domiciliare. Però, preoccupati per l’evolversi della pandemia, i militanti del movimento No Tav hanno più volte esortato la donna a richiedere di scontare la pena ai domiciliari. Così il 20 marzo scorso il volto storico della lotta contro la Torino-Lione ha richiesto di scontare il resto della condanna nella propria abitazione di Bussoleno spiegando che, essendo affetta da gravi patologie, un contagio da Covid-19 potrebbe costarle la vita.

Post pubblicato su Facebook dal profilo ufficiale NoTav

Nicoletta Dosio torna a casa

La notizia del ritorno a casa di Nicoletta Dosio è stata data dal movimento NoTav. In un post pubblicato sul profilo Facebook ufficiale del movimento contrario alla Torino-Lione si legge: Nicoletta è uscita poco fa dal carcere delle Vallette per andare a scontare l’ingiusta pena ai domiciliari per le misure introdotte con l’emergenza Corona Virus“.

Inoltre, gli amici dell’attivista simbolo della lotta NoTav hanno riportato alcune informazioni riguardo la vita in carcera che la stessa Nicoletta ha riferito al marito: “Nicoletta ci fa sapere tramite suo marito che la situazione dentro è pesantissima, e invece che scarcerare, al contrario continuano a tradurre in carcere persone, anche con la febbre“.

Gli amici dell’attivista rivelano: “è dimagrita molto

I militanti NoTav aggiungono anche che la storica attivista: è dimagrita molto perché mangiare in carcere è difficile per tutte, ma è orgogliosa delle sue compagne di detenzione che si sono sostenute a vicenda in questo periodo e uscire da sola le crea rabbia” e rivelando inoltre che: “Il carcere è un luogo dove la normalità non esiste per chi fa la guardia, anzi l’arroganza è l’unica vera normalità“.

Post pubblicato su Facebook dal profilo ufficiale NoTav

Una decisione per fronteggiare l’emergenza Covid-19

Nicoletta Dosio era stata arrestata lo scorso 30 dicembre. L’ex insegnante era stata condannata dal tribunale di Torino ad un anno di reclusione per dei reati commessi nel corso di una manifestazione tenutasi nel 2012 alla barriera di Avigliana dell’autostrada del Frejus.

Ma le misure svuota-carceri varate dal governo per fronteggiare l’emergenza Covid-19 e limitare il rischio dei contagi le hanno permesso di tornare a casa.

*immagine in alto: Facebook NoTavinfo NoTav

Approfondisci:

Tutto sul Coronavirus
Coronavirus e cassa integrazione, Catalfo: “Raggiunto accordo con le banche
Coronavirus, il ministro Boccia conferma: le misure non scadranno il 3 aprile