giuseppe conte, primo piano con un sorriso tirato

Nel giorno di Pasqua il premier Giuseppe Conte dedica un post Instagram a tutto il Paese. Un modo per fare gli auguri conscio che questa sarà una Pasqua molto diversa da quelle a cui siamo abituati, mentre una buona parte della nazione è isolata nelle proprie abitazioni e lontana dai propri cari a causa dell’emergenza coronavirus.

Gli auguri di Conte per il Paese

Buona Pasqua a tutti gli Italiani. A chi oggi soffre, a chi di fronte ha una sedia che rimane vuota, a chi lotta nelle corsie degli ospedali per allontanare lacrime e dolore dalla propria comunità“, scrive Conte sul suo profilo Instagram qualche minuto fa.

Il Paese resterà confinato nelle proprie abitazioni fino al prossimo 3 maggio: “Ci mancano i sorrisi dei parenti, anche più prossimi, gli abbracci degli amici, le belle tradizioni dei nostri paesi, le strette di mano in chiesa, in piazza, al bar“.

Le rinunce che ognuno di noi compie in questa domenica così importante sono un gesto di attaccamento autentico a quello che conta davvero e che potremo riprenderci presto. Oggi non sarà come le altre volte“, scrive ancora, “ma non lo sarà nemmeno domani, quando stringeremo più forte quello a cui teniamo.

Insieme ce la faremo“.

Gli auguri di Mattarella

Anche il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ieri ha pubblicato un videomessaggio per fare gli auguri al Paese per questa Pasqua: “È una festa tradizionale, importante per tutti. Quest’anno la vivremo in condizioni molto diverse dal consueto. Penseremo ai nostri concittadini morti per l’epidemia. Tante storie spezzate, affetti strappati spesso all’improvviso“. Una festa diversa quest’anno: “Comprendo bene il senso di privazione che questo produce. So che molti italiani trascorreranno il giorno di Pasqua in solitudine.

Sarà così anche per me“, ha spiegato.

Guarda il video

Approfondisci:

Tutto sull’emergenza Coronavirus

Giuseppe Conte: “Liquidità per 400 miliardi di euro alle nostre imprese”

Cosa avevano detto Matteo Salvini e Giorgia Meloni sul Mes