adriano panzironi

L’Agcom (Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni) ha ordinato la sospensione per 6 mesi delle trasmissioni televisive di Adriano Panzironi, il discusso ideatore del metodo alimentare “Life 120”.

Secondo l’Autorità, i programmi avrebbero apertamente violato le disposizioni che impongono il rispetto della salute pubblica, in particolare per quanto riguarda le notizie diffuse in merito all’epidemia di Covid-19. Panzironi avrebbe cioè veicolato false informazioni, inducendo gli spettatori a credere che il nuovo Coronavirus potesse essere trattato o prevenuto con semplici integratori.

L’AgCom sospende per 6 mesi i programmi di Panzironi

La misura dell’Agcom riguarda le trasmissioni in onda sul canale 880 SAT e sul canale 61 del digitale terrestre.

Nel format Il cerca salute e nello speciale Quello che non vi hanno detto sul Coronavirus, Panzironi avrebbe parlato del metodo Life 120, una particolare dieta da lui ideata che premetterebbe di vivere fino a 120 anni, mettendolo in relazione con la possibilità di curare il Sars-Cov-2.

Queste teorie, si legge nel comunicato stampa dell’Agcom, sono potenzialmente in grado di porre in pericolo la salute degli utenti, dato che potrebbero condurre alla sottovalutazione dei rischi legati al Covid-19 e all’erroneo convincimento che il virus possa essere trattato o prevenuto con misure non terapeutiche, ma alimentari o di mera integrazione.

“Sfruttata” la paura per il Coronavirus

Ciò che ha contrariato l’Agcom, nella fattispecie, è che la paura per il Coronavirus sia stata sfruttata al fine di proporre questi integratori alimentari, commercializzati dallo stesso brand Life 120 e venduti all’interno delle trasmissioni: “La condotta è stata ritenuta particolarmente grave – scrive l’Autorità – in quanto gli autori e il protagonista dei programmi in questione hanno utilizzato un modulo comunicativo basato sulla suggestionabilità dello spettatore medio per proporre, associandola alle tematiche relative alla epidemia da Covid-19, la promozione dello stile di vita e della commercializzazione dei prodotti Life 120”.

La replica di Adriano Panzironi

Questo terreno scivoloso, posto al limite tra marketing, profitto e salute delle persone, è stato spesso causa di polemiche per Adriano Panzironi. Il fatto di non essere un medico e di proporre diete e rimedi privi di evidenze scientifiche, lo ha portato a scontrarsi con nutrizionisti ed esperti del settore, spingendo anche l’Ordine dei giornalisti, di cui fa parte, a sospenderlo temporaneamente.

Già nel 2019 il canale 61 era stato sanzionato per una vicenda simile: in quel caso la divulgazione di informazioni prive di basi scientifiche da parte del giornalista, aveva condotto l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni a comminare una sanzione di oltre 260mila euro.

Nel rispondere al recente provvedimento dell’Agcom, Panzironi ha voluto negare tutte le accuse: “Ecco cosa succede quando, con la scusa di una emergenza sanitaria, si sospendono la libertà di stampa e di opinione, riconosciuti dalla nostra costituzione – ha scritto su Facebook – Un’azione terroristica di Stato nei confronti delle emittenti che trasmettono ‘Il cerca salute’ con l’intento di imbavagliare un giornalista libero”.

Approfondisci

TUTTO IL CORONAVIRUS

Coronavirus, arrivano in Italia due farmaci per combattere il virus a casa

Coronavirus, la speranza da un farmaco: avviato lo studio