Tom Moore

Il Coronavirus è una pandemia globale ma oltre alla tragedia delle migliaia di morti ci sono anche delle storie di generosità e solidarietà. Una di queste arriva dall’Inghilterra, anch’essa flagellata dall’epidemia e che ha visto il premier Boris Johnson ammalarsi e poi venir dimesso dall’ospedale. A pochi km da Londra, un anziano di 99 anni è riuscito a raccogliere un ingente somma di denaro per aiutare la sanità nazionale grazie ad una sfida lanciata online.

Una raccolta fondi per il sistema sanitario nazionale inglese

Tom Moore, veterano di guerra di Marston Moreteyene, un paesino a 60 km di Londra, è riuscito in un’impresa straordinaria.

L’ex capitano per ringraziare il sistema sanitario nazionale britannico ha deciso di dare il suo contributo nella lotta al Coronavirus. I medici lo hanno rimesso in piedi dopo una brutta rottura all’anca alla soglia dei 100 anni e così con i suoi famigliari, Tom Moore ha indetto una colletta online. Il nonnino inglese ha promesso di compiere 100 volte il giro del suo giardino di 25 metri, con l’aiuto del suo deambulatore, entro il 30 aprile, quando festeggerà il suo compleanno.

Alla Reuters, Moore ha dichiarato il perché della sua iniziativa: “Quando ne ho avuto bisogno medici e infermieri sono stati fantastici, gentili e caritatevoli con me“. L’ex capitano non smette di credere nella speranza e ammette: “Ho sempre pensato, durante la mia lunga vita, che domani sarà un giorno migliore. Lo penso ancora”. Per lui i medici e il personale sanitario si meritano un po’ di fortuna e tanti più aiuti possibili. 

Già raccolti di 2 milioni di sterline

La storia di Tom Moore è rimbalzata su tutti i quotidiani internazionali e nelle tv di tutto il mondo.

Quella del veterano è una sfida che sembra procedere a gonfie vele. Al traguardo dei 100 anni mancano ancora circa 2 settimane e quindi Tom Moore ha tutto il tempo per reperire quanto più denaro possibile. A fronte di un obbiettivo di 500 mila sterline, l’uomo è riuscito a raggiungerne 2 milioni. A questo proposito, Moore ha detto che al compimento dei primi 100 giri, si impegnerà per farne altri 100, come rivelato anche dal genero Colin Ingram, in modo da essere tanto più utile nella lotta contro il Covid-19 che in U.K.

ha già fatto segnare circa 13.000 vittime. 

Approfondisci:

Boris Johnson positivo al Coronavirus

Coronavirus, Boris Johnson scrive alla nazione: “Andrà peggio. State a casa per salvare vite”

(Immagine in alto: da Youtube)