Rocco Siffredi in primo piano

Il figlio di Rocco Siffredi, il 24enne Lorenzo Tano, debutta nel mondo del porno con il film Pure Neon, frutto della collaborazione tra padre e figlio. Lorenzo affianca suo padre nel lavoro di produzione già da circa un anno, ma questo è il primo film che vede padre e figlio insieme alla regia. Rocco Siffredi ha dichiarato di essere stato lui a spronare il giovane 24enne, affermando che: “Lui fa cose ma non si espone, infatti non voleva la firma nella regia del film“.

Il figlio di Rocco Siffredi rimprovera il padre: “Non sai fare un film

È iniziato tutto un paio di anni fa quando Lorenzo mi ha detto: papà usi delle videocamere di mer**, non sai fare un film, sei il numero uno sul sesso d’accordo, ma usi materiali davvero pessimi“.

Così il pornoattore Rocco Siffredi ha raccontato al Fatto Quotidiano Magazine come ha avuto inizio la collaborazione tra lui e suo figlio Lorenzo Tano che ha portato alla realizzazione del film Pure Neon. Il film è composto da 4 episodi: The Artist, Sexy Fighters, Colerful Dream e House Party!

Lorenzo Siffredi e la sua passione per la tecnologia

Lorenzo, descritto dal padre come un ragazzo timido ed introverso, ha studiato economia, ma la sua grande passione per la tecnologia, specialmente per tutto ciò che riguarda il mondo dei video, foto e immagini, lo portava a correggere di continuo il lavoro del padre. Le sue critiche erano rivolte alle videocamere utilizzate da Rocco Siffredi per girare i film, ritenute dal giovane Lorenzo di scarsa qualità.

Lorenzo accetta la collaborazione con il padre, ma ad una condizione

L’idea di realizzare questo primo progetto insieme è nata da Rocco, il quale ha ammesso di essere stato lui ad insistere con il figlio e a spronarlo: “Mi hai fatto spendere 50mila euro di materiali nuovi adesso devi fare qualcosa“.

Lorenzo ha però “accusato” il padre di scegliere attrici che a lui non piacciono, affermando: “prendi sempre dei mostri“. Il pornoattore ha spiegato al Fatto Quotidiano Magazine di aver continuato ad insistere con suo figlio affinché decidesse di accettare la collaborazione, rivelando che il 24enne ha accettato, ma solo dopo essersi assicurato di avere sul set solo attrici donne.

Infatti Lorenzo aveva espressamente detto al padre: “A me non piacciono gli uomini voglio solo vedere donne

Primo film di Rocco con sole attrici donne

In realtà Rocco Siffredi non ha mai diretto un film con sole attrici donne. Per questo motivo ha accettato la richiesta del figlio anche lui ad una sola condizione, seguendo la stessa tattica adoperato dal giovane 24enne: il film lo avrebbe dovuto montare Lorenzo. Nel corso della realizzazione del progetto però Rocco Siffredi ha rivelato, in più occasioni, preziosi consigli su come dirigere la scena. “Gli ho fatto girare la prima scena da solo, l’ha ripresa tutta da solo, però si vedeva che era un po’ senza esperienza.

Da quel momento ho cominciato a riprendere io. Ho fatto la camera per tutto il film. Sono stato il suo occhio. Lui mi diceva esattamente cosa voleva” ha spiegato Rocco. L’aiuto del padre nella realizzazione di Pure Neon è stato senza dubbio prezioso per il giovane Lorenzo, ma Rocco Siffredi ha voluto specificare che è stato il figlio ad occuparsi di tutto: dalla sceneggiatura, alla scenografia, all’impianto luci.