piede di una neonata ricoverata in ospedale

Una notizia sconcertante quella che arriva dalla Repubblica Dominicana, nelle Grandi Antille. Una piccola bimba di appena 5 mesi è morta dopo aver ingerito quella che è sembrata essere una “pozione magica” a base di sangue di tartaruga, una soluzione acquosa consigliata ai familiari come “rimedio” al Coronavirus da un sedicente stregone.

Sangue di tartaruga: la “pozione anti-Covid”

Secondo quanto riportato dal Daily Mail, la piccola non sarebbe stata l’unica a ingerire la “pozione” anti Covid-19 consigliata da uno stregone di Haiti. Secondo quanto riportato oltreoceano, a bere il millantato rimedio contro il Coronavirus sarebbe stata tutta la famiglia della piccola neonata composta da madre, padre e sorellina di 7 anni, tutti finiti successivamente in ospedale in gravi condizioni.

Morta la neonata, ricoverata tutta la famiglia

Secondo quanto venuto alla luce, lo stregone haitiano avrebbe somministrato alla famiglia una soluzione a base di sangue di tartaruga che tutti avrebbero bevuto credendolo un toccasana che li avrebbe resi immuni dal Sars-Cov-2. “Questi casi riguardano persone che pensano che queste bevande possano avere effetti curativi ma possono finire per essere invece mortali“, ha spiegato al Daily Mail Dahiana Volquez, direttrice dell’ospedale che ha preso in cura la famiglia e dove si è verificato il decesso della piccola.

Al momento le condizioni di salute dei genitori e della piccola bimba di 7 anni sembrano essere serie ma stabili mentre per la piccola neonata di 5 mesi non c’è stato nulla da fare. Il suo decesso sarebbe sopraggiunto domenica sebbene i media locali ne abbiano dato notizia solamente oggi. Per quanto riguarda la “pozione” stessa, a fornire dettagli ai medici sarebbe stata la coppia spiegando fosse sangue di tartaruga ma senza proferire ulteriori dettagli su eventuali ingredienti terzi presenti nella soluzione.

Approfondisci

TUTTO SUL CORONAVIRUS

Coronavirus il dramma negli Stati Uniti denunciato dallo storico giornale: quasi 100mila morti

Coronavirus, in Russia un terzo dei medici costretti a mentire sulle cause di morte dei pazienti