Giuseppe Conte in primo piano

Di questi momenti le ultime parole del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, atteso oggi alle 18 in conferenza stampa in una data importante per il Paese, il 3 giugno disegnata da tempo come giornata in cui anche i confini tra le regioni sarebbero caduti con permesso di spostamento senza autocertificazione.

Giuseppe Conte: “Ci meritiamo il sorriso

I numeri, possiamo dirlo con la relativa prudenza ma anche con chiarezza, sono incoraggianti. Gli ultimi monitoraggi fatti non segnalano situazioni critiche né di sovraccarico negli ospedali. Il trend dei nuovi casi diagnosticati è in costante diminuzione in tutte le regioni – ha chiosato Giuseppe Conte in apertura alla conferenza stampa sulla situazione italiana strettamente legata all’emergenza sanitaria per il CoronavirusQuesto ci conforta e ci dimostra che la strategia adottata passo dopo passo è stata ed è quella giusta e ci da fiducia in vista delle decisioni che saremo chiamati ad adottare nelle prossime settimane.

Ci meritiamo il sorriso, l’allegria dopo settimane di duri sacrifici“. 

Il futuro dell’Italia tra prudenza e mascherine

Ci tiene Giuseppe Conte a sottolineare, come fatto anche recentemente dal Ministro della Salute Roberto Speranza, l’efficacia delle misure di contenimento e sicurezza adottate in questi mesi segnati dall’emergenza sanitaria: “Se siamo tra i primi Paesi Europei che può permettersi di riavviarsi in condizioni di sicurezza è perché abbiamo accettato di compiere dei sacrifici, abbiamo accettato responsabilmente di modificare le nostre radicate abitudini di vita, dico solo: facciamo attenzione.

Le uniche misure oggi efficaci sono il distanziamento fisico e l’utilizzo ove necessario delle mascherine“.

A coloro che sostengono la scomparsa del virus o il suo indebolimento, Conte risponde: “Se si ritiene che il virus sia scomparso, si commette una grave leggerezza“.

Sul futuro che attende l’Italia, Conte commenta con felicità la rinnovata ripresa delle attività turistiche: “Oggi anche i turisti europei possono viaggiare verso l’Italia, visitare il nostro Paese senza sottoporsi a quarantena. I ministri stanno facendo un gran lavoro sul piano diplomatico per assicurare che il nostro Paese torni a essere meta sicura e ambita per l’Europa e per il Mondo. La bellezza dell’Italia non è mai andata in quarantena“.

Crisi economica, Conte: “Abbiamo stanziato 80 miliardi di euro

Sul futuro che attende l’Italia però, il presidente del Consiglio va dritto al punto puntando l’attenzione sui problemi che l’Italia e i cittadini dovranno affrontare: “Ora dobbiamo fare i conti con l’emergenza economica e sociale.

Abbiamo stanziato 80 miliardi di euro, corrispondente a 3 manovre di bilancio per aiutare le famiglie, i lavorati, le imprese garantendo la cassa integrazione anche alle aziende con un solo lavoratore“.

Approfondisci

TUTTO SUL CORONAVIRUS