pago e serena enardu

Dopo pesanti alti e bassi la coppia non ha retto alla quarantena e recentemente è stata ufficializzata la rottura tra Pago e Serena Enardu. Se ne è parlato tanto in questi mesi, perfino la sorella della ex tronista è intervenuta sull’argomento. Ora il cantante ne svela i dettagli in un libro in uscita in questi giorni, dal titolo Vagabondo d’Amore. Ad anticipare il volume una lettera scritta in aprile per Serena e apparsa su Chi a seguito di un’intervista.

La reazione di Serena non si è fatta attendere e tra le story Instagram di oggi è giunta la dura replica dell’ex tronista.

“Si legge sull’articolo, dall’inizio alla fine, che è propaganda” commenta la Enardu.

La lettera di Pago a Serena

Stando da quanto lamentato da Pago pare che l’ex tronista, con cui ha partecipato a Temptation Island, avrebbe avuto una storia a tutti glie effetti con il tentatore Alessandro Graziani. Ad aprire gli occhi a Pago alcuni messaggi equivochi che il cantante avrebbe trovato tra le chat di Serena durante la quarantena.

Questa la motivazione che lo ha poi spinto a scriverle una lettera in pieno lockdown.

Cara Serena, ho smesso dentro me di chiamarti amore” comincia severo Pago. “È il 22 aprile. Il mio cuore non batte più come prima. Nei capitoli consegnati a febbraio, prima del Coronavirus, ‘Tu lo sai’, che ero pronto a convolare a nozze. La quarantena è una vera prova d’amore per ogni coppia che decide di superare insieme un momento drammatico. E noi, noi no. Siamo quelli che non ce la facciamo, non ce la faremo o forse siamo quelli semplicemente siamo destinati a non stare insieme“.

Quei messaggi equivoci

Poi proprio nel corso della lettera arrivano i fatidici messaggi che lo hanno convinto a chiudere per sempre con la Enardu. “Succede qualcosa dal quale non si può più tornare indietro” prosegue Pago. “I vecchi tempi sono tornati o forse non sono mai andati via per te. Ti chiudi in bagno. Il tuo cellulare però resta fuori. Non lo avrei mai fatto. Non l’ho mai fatto. Sono un buono. Chi mi conosce lo sa. Non resisto”. Ma i sospetti di Pago a quanto pare erano fondati, stando ai suoi racconti.

Prendo lo smartphone in mano e lo sblocco. Guardando la lista dei messaggi su WhatsApp, corro velocemente sotto il nome ‘Ale’ con accanto un emoticon con un orsetto. Già, non ci volevo credere. Quello che leggo, quello che ascolto – ebbene sì anche gli audio – è un qualcosa che non mi fa nemmeno male. È solo una realtà di m… che devo accettare“.

Poi l’amara conclusione: “Serena, tu non hai avuto un flirt di due giorni, in Sardegna con questo ragazzo come mi hai voluto far credere. Ma è stata una vera storia d’amore.

E il tutto succede- va, combaciando le date, proprio nel periodo in cui volevi tornare con me. Quando sei uscita dal bagno, quel telefono l’ho lanciato sul lavandino. Ti ho guardato e ti ho detto: ‘Menomale che mi avevi detto tutto’. La frase che non scorderò mai, però, è una: ‘Ci sono stata più volte’”.

La reazione di Serena Enardu

Serena Enardu dal canto suo risponde repentina, non appena viene a sapere dell’intervista di Pago su Chi e della famosa lettera. “Mi aspettavo di tutto ma non di svegliarmi con l’intervista di Pago in cui racconta una manica di fesserie” comincia l’ex tronista.

serenaenardu_102435607_693975077828715_8729016937259954645_n

La replica di Serena è durissima: “Capisco che per vendere un libro – si legge dall’inizio alla fine che è una propaganda meschina – si fa di tutto, compreso costruire questo segreto di Puclinella“. La Enardu è un fiume in piena. “Io sono imbarazzata per te, perché se avessi avuto almeno una volta nella vita le palle di raccontare la verità, di raccontare perché ci siamo lasciati e ti ho sbattuto fuori di casa, il giorno prima che prendessi il telefono per trovarti una scusa mediocre come quella che hai scritto“. E infine la smentita: “È una balla quella che ha raccontato Pago, mi spiace per chi ha dovuto scriverla…  Se mi volevi mandare una lettera d’addio, bastava inviarmela, non c’era bisogno che la scrivessi su un libro che poi nella copertina dietro ha un prezzo.

Sei becero”.

Story di Serena Enardu