Pierluigi Diaco

Durante la diretta di Io e Te di ieri, si è assistito ad una interruzione non prevista: durante il Faccia a faccia con Bianca Berlinguer, Pierluigi Diaco è rimasto interdetto dai rumori che provenivano dai piani superiori. Oggi Diaco ha ricevuto un regalo inaspettato, col quale si è spiegato l’inconveniente di ieri.

L’incidente in studio

Verso la fine dell’intervista a Bianca Berlinguer, improvvisamente la diretta era stata disturbata dal rumore di trapani ed altri arnesi da cantiere: era apparso subito evidente che da qualche parte ci siano lavori in corso.

Diaco, indeciso tra l’irritazione e lo stupore, aveva esclamato: “È interessante che mentre andiamo in onda fanno i lavori alla Rai, è bellissimo!

È un’azienda meravigliosa! Ci sono sempre dei lavori in corso!”.

I lavori in corso disturbano la diretta

Chiarito successivamente che si trattava di lavori in corso al piano superiore, Diaco si era rivolto ai collaboratori in studio, lasciando trasparire un certo fastidio: “Magari se qualcuno di voi, generosamente, se vi va eh, va al quarto piano e dice che noi stiamo lavorando… Che bello questo studio, sono sempre pronti“.

Un regalo inaspettato: il trapano della pace

Questo piccolo incidente di ieri, è stato chiarito oggi dal conduttore stesso con un simpatico espediente: nel camerino di Diaco è stato fatto recapitare un trapano; il conduttore, quindi, a inizio puntata ha potuto così scherzare: “Ho trovato un trapano, funzionante!

Mi hanno regalato un trapano, la prossima volta rispondo con la stessa medaglia”

Grandissimo saluto agli operai impegnati a fare il loro lavoro”

Pierluigi Diaco ha poi continuato rivolgendosi agli operai: “Va bene, va bene. Innanzitutto voglio mandare un grandissimo e caro saluto agli operai che ieri erano impegnati nel fare il loro lavoro e non sapevano che nel piano sottostante, che è il terzo, era in corso una trasmissione“.

E ha approfittato di questo evento per fare una riflessione sul mondo dei lavoratori: “Non si deve mai dare la responsabilità a chi lavora a chi fa un lavoro tra l’altro difficile come quello di lavorare per la manutenzione e la riorganizzazione dei reparti. è andata così, ma va bene lo stesso! E la prossima volta avrò un trapano anch’io!“.

Approfondisci

TUTTO su Pierluigi Diaco