trasfusione coronavirus

Continua il saliscendi relativo ai dati sui nuovi casi di Coronavirus in Italia. Arrivano in questi momenti gli ultimi aggiornamenti dal Ministero della Salute sulla situazione italiana legata all’epidemia di Coronavirus: il bollettino del 13 luglio.

Coronavirus Italia: 169 nuovi casi di contagio

Sono sempre 13.157 le persone attualmente positive al Coronavirus in Italia, cui 12.324 in isolamento domiciliare, 65 in terapia intensiva e 768 le persone attualmente positive e ricoverate in ospedale con sintomi. 195.106 le persone guarite dal Coronavirus in tutto, con l’incremento in data odierna 178 persone. Salgono di poco i morti registrati in data odierna rispetto alla giornata di ieri: 13 i morti in data 13 luglio per un totale di vittime in Italia ora pari 34.967.

243.230 le persone che dall’inizio dell’epidemia in Italia hanno contratto il virus in Italia, con l’incremento di 169 casi di contagio registrati nelle ultime 24 ore.

Lo sfogo dell’infermiere di Cremona

Dei nuovi casi di contagio, 94 sono stati registrati in Lombardia, la regione che continua ad essere la più colpita in Italia. Di ieri la testimonianza di un infermiere di Cremona che, sfogandosi su Facebook, ha voluto spiegare come la situazione negli ospedali locali sembri lentamente precipitare di nuovo al periodo più difficile dell’epidemia.

Ci risiamo [..] In reparto abbiamo ricominciato a ricoverare pazienti COVID con gravi insufficienze respiratorie. Per ora la cosa è limitata, non come a febbraio o marzo o l’inizio di aprile quando i COVID erano 30 su 30 in reparto più altrettanti ricoverati in altri reparti, quando su 30 pazienti 26 erano ventilati“. Avvertiva così l’infermiere denunciando come, contrariamente a quello che si può pensare osservando i dati e girovagando per le città ripopolate, il virus non sia affatto sparito.

Approfondisci

TUTTO SUL CORONAVIRUS

Fazio sul distanziamento sugli aerei: “Ho scoperto che non vale” e scatena la polemica

Coronavirus, in arrivo nuovo Dpcm del governo Conte: le nuove misure anti-contagio