cimitero roma

Smembravano i cadaveri e poi buttavano le parti del corpo negli ossari. Si tratta del vergognoso modus operandi di alcuni dipendenti Ama operanti al cimitero Flaminio, che agivano in combutta con gli impresari funebri.

Oggi, un video mostra la brutalità delle scene, e del trattamento riservato ai cadaveri.

La prassi che ha dato origine allo scempio compiuto è la norma nei cimiteri: dopo 30 anni, un corpo viene riesumato e viene cremato, dopodiché i resti vengono depositati nell’ossario.

Le immagini: corpi smembrati

Questa pratica è però onerosa per la famiglia, che si può trovare in difficoltà.

A quel punto si insinuava la mala pratica proposta dalle imprese, che fornivano un “metodo meno oneroso”, senza però specificare che la pratica a cui venivano sottoposti i corpi era un vero e proprio smembramento, peraltro grossolanamente operato sul pavimento del cimitero, con dei coltellacci usati per staccare arti e pezzi del corpo. Queste venivano poi lanciate nell’ossario, senza alcuna cura dei defunti.

Il video mostra la drammatica pratica: ora impresari e dipendenti Ama sono accusati di truffa, vilipendio di cadavere e corruzione.

Guarda il video:

Approfondisci:

Truffa delle finte cremazioni: sospesi 14 dipendenti di un cimitero romano

Roma, cimitero degli orrori: corpi fatti a pezzi e gettati nell’ossario comune