auto dei carabinieri in città con un carabiniere di fianco

Si aggiungono i “festini orgiastici” agli atti illeciti che venivano messi in pratica dai carabinieri della caserma degli orrori di Piacenza.

A questi festini partecipavano i carabinieri coinvolti e spesso venivano “usate” ragazze o trans, e si ipotizza che questo avvenisse anche sotto ricatto o costrizione. A rendere possibile questo scenario è stata la testimonianza di una ragazza trans di Piacenza, che ha voluto essere ascoltata come parte lesa.

La testimonianza: “In un modo o nell’altro ti frego”

Lei si fa chiamare Francesca ed ha deciso di contattare le autorità dopo la diffusione della notizia delle indagini.

Secondo la donna, trans, per più di un anno ci sarebbero state minacce nei suoi confronti, in particolare ad opera del maresciallo Marco Orlando, che le avrebbe detto: “Se non collabori, se non mi dai lavoro, in un modo o nell’altro ti frego e ti rimando in Brasile”. La donna sarebbe infatti stata costretta a fare sesso all’interno della caserma, in festini organizzati.

Montella, l’intercettazione:”Gliene ho fatte trombare due”

A riprova dell’effettiva esistenza di questi festini ci sarebbe anche un’intercettazione riportata da Il Fatto Quotidiano in cui Montella parla con Salvatore Cappellano, uno degli altri indagati.

I due parlano in dialetto e Montella dice:Quella sera due gliene ho fatte trombare, lei e quell’altra (…) Si è visto due fighe e non sapeva quello che cazzo fare”. Dai racconti, emerge uno scenario d’inferno: le urla delle ragazze, che avevano portato a lamentele nel vicinato; le scrivanie usate per le orgie, con tutti i documenti buttati a terra; lo sdegno per la divisa, buttata a terra e calpestata.

Montella è stato interrogato pochi giorni fa, ed ha esposto la sua versione dei fatti.

Approfondisci:

Carabinieri Piacenza, Ilaria Cucchi: “Basta parlare di mele marce, i casi son troppi”

Carabinieri Piacenza: finito l’interrogatorio all’appuntato Montella

Caso Piacenza, interrogati i carabinieri-pusher sul giro di spaccio e torture in caserma