Edoardo Vianello, primo piano

La morte di Susanna Vianello, accaduta appena ad aprile, ha sconvolto il mondo dello spettacolo. La donna era figlia di Wilma Goich e Edoardo Vianello e avrebbe compiuto 50 anni questo luglio. Proprio il padre, Edoardo Vianello, è stato ospite del programma di Pierluigi Diaco, Io e te.

La storia di Edoardo Vianello

Durante la puntata, Diaco ha raccontato molto della vita del suo ospite, ripercorrendo la sua storia del mondo dello spettacolo. Le sue canzoni sono diventate parte della tradizione italiana, conosciute da tutti, tra tutti Abbronzatissima​, Pinne fucile ed occhiali, Guarda come dondolo e I Watussi.

Il tempo di intrattenere gli ospiti anche con qualche canzone, in studio entra anche la moglie Elfrida Ismolli e insieme hanno raccontato la loro storia d’amore. Dalla conoscenza, un po’ particolare, in uno studio dentistico, fino al corteggiamento al telefono.

La morte della figlia Susanna

Qualche mese, il cantante ha dovuto affrontare la morte della figlia Susanna, ma Pierluigi Diaco non ne ha voluto parlare durante la trasmissione, specificando che ci sono cose che devono rimanere private. “Non voglio parlare del tuo dolore, della morte di tua figlia, un fatto molto privato e io non voglio parlarne in televisione“, ha detto.

Ad annunciare la morte della speaker radiofonica era stato il cugino, Andrea Vianello: “La mia cugina bella e forte, un tornado di talento e di simpatia, non c’è più. In un mese appena, un tumore cattivo e impietoso l’ha portata via. Avrebbe fatto tra poco appena 50 anni e lascia un figlio di 23. Aveva molto amici, anche qui. Ci mancherà molto”. Anche Rosario Fiorello, in quei momenti difficili, l’ha voluta salutata per l’ultima volta con un messaggio su Twitter: La mia amica Susanna Vianello è volata via.

Abbiamo riso tantissimo…non ti dimenticherò mai”.

Approfondisci

Susanna Vianello figlia d’arte: le vite dei genitori Wilma Goich ed Edoardo

Chi è Susanna Vianello: figlia di Edoardo, morta prematuramente

È morta Susanna Vianello, l’amico Fiorello: “Non ti dimenticherò mai”