Amedeo Grieco e la mamma

Il grave lutto che lo scorso giugno ha colpito il comico Amedeo Grieco, del celebre duo Pio e Amedeo, è una ferita ancora aperta. In occasione del suo 37esimo compleanno, celebrato a distanza di circa 2 mesi dalla scomparsa della madre, Amedeo ha ricordato la mamma defunta, dedicandole delle dolci parole colme di affetto e, allo stesso tempo, di dolore.

Una ferita ancora aperta

Amedeo ha scritto un lungo post pubblicato sul proprio account Instagram dedicato alla mamma. Ha aperto il suo cuore lasciandosi andare alla scrittura e descrivendo le sue sensazioni ed emozioni più profonde.

Ogni anno, il 20 agosto, traccio una linea immaginaria nel mio percorso e do un’occhiata indietro… ma quest’anno no, mi sono solo chiuso in bagno più volte e ho pianto, come faccio da 2 mesi, ascoltando un tuo vocale su whatsapp, guardando una foto insieme salvata in galleria, come da 2 mesi ogni volta devo guardare i miei bambini per scacciare via la sensazione che niente più ha senso“. Dalle parole del comico emerge il dolore più profondo che un figlio può provare per la perdita della propria madre, scomparsa all’età di 57 anni.

View this post on Instagram

…e da ieri sono 37! Ogni anno, il 20 agosto, traccio una linea immaginaria nel mio percorso e do un’occhiata indietro… ma quest’anno no, mi sono solo chiuso in bagno piu volte e ho pianto, come faccio da 2 mesi, ascoltando un tuo vocale su whatsapp, guardando una foto insieme salvata in galleria, come da 2 mesi ogni volta devo guardare i miei bambini per scacciare via la sensazione che niente piu ha senso…qui andiamo avanti Mà, noi stiamo insieme, si ride e si scherza, e a tutti, sono certo, sembro il solito Amedeo, così come deve essere, così come piaceva a te che di me eri proprio innamorata…devo ancora imparare a farci i conti con i vuoti in cui inciampo e il primo compleanno senza i tuoi auguri è un dirupo complicato …perchè il tempo proverà a cancellare mentre cercheremo di tenere a galla la memoria con i reperti multimediali che ci restano, annasperemo rovistando i ricordi nella mente,ma purtroppo piano piano Federico dimenticherà il sapore delle tue orecchiette fatte a mano e Alice non ti troverà nei suoi racconti, è inevitabile E allora chiudo gli occhi quest’anno, cercando qualche segnale che in molti dicono arriverà, ma sarà perchè non ci credo abbastanza che non mi è permesso ancora averne…io lo stesso parlo da solo con te ad alta voce, che tanto non si sa mai, magari davvero mi senti…e con gli occhi chiusi per qualche attimo dimentico che non ci sei e non ci sarai…e mi passa davanti l’infanzia che mi hai disegnato: la frutta a pezzi con lo zucchero, io in piedi e tu seduta in pizzo al letto che mi pettini e mi abbottoni il grembiule, le mandorle fresche,la lasagna alta una sedia, i panzerotti che fumano di buono, i viaggi di notte per Bologna, le tue mani attente che mi spalmano la leocrema dietro la mia piccola schiena arrossata dal primo sole, la torta mimosa con l’ananas…ed è questa la ricchezza dell’eredità che ci hai lasciato, si sente il profumo delle tue mani nelle tue marmellate di tutti i colori Ed è un buon compleanno a me❤ Grazie degli auguri Mà Grazie a tutti quelli che me li hanno fatti e a chi me li farà…non preoccupatevi per me, voi ogni volta mi troverete sempre lo stesso, promesso ❤

A post shared by Amedeo Grieco (@amedeogrieco) on

Il primo compleanno senza i tuoi auguri è un dirupo complicato

Nonostante la ferita per la perdita della mamma sia ancora aperta, Amedeo si fa coraggio e si dà forza per andare avanti e superare questo terribile e triste periodo: “Qui andiamo avanti Mà, noi stiamo insieme, si ride e si scherza, e a tutti, sono certo, sembro il solito Amedeo, così come deve essere, così come piaceva a te che di me eri proprio innamorata“. Il comico prosegue il suo lungo post scrivendo: “devo ancora imparare a farci i conti con i vuoti in cui inciampo e il primo compleanno senza i tuoi auguri è un dirupo complicato” e prosegue: “chiudo gli occhi quest’anno, cercando qualche segnale che in molti dicono arriverà, ma sarà perché non ci credo abbastanza che non mi è permesso ancora averne…io lo stesso parlo da solo con te ad alta voce, che tanto non si sa mai, magari davvero mi senti“.

Sono parole che arrivano dritte al cuore e che esprimono perfettamente la sofferenza di Amedeo Grieco.

La preziosa eredità lasciata dalla mamma

L’assenza fisica della madre, però, non potrà mai cancellare i momenti che il comico ha custoditi dentro di sé, nel suo cuore e nella sua mente. Per Amedeo è sufficiente chiudere gli occhi, volare tra i ricordi della sua infanzia e sentirsi vicino alla sua mamma: “Con gli occhi chiusi per qualche attimo dimentico che non ci sei e non ci sarai…e mi passa davanti l’infanzia che mi hai disegnato: la frutta a pezzi con lo zucchero, io in piedi e tu seduta in pizzo al letto che mi pettini e mi abbottoni il grembiule, le mandorle fresche,la lasagna alta una sedia, i panzerotti che fumano di buono, i viaggi di notte per Bologna, le tue mani attente che mi spalmano la leocrema dietro la mia piccola schiena arrossata dal primo sole, la torta mimosa con l’ananased è questa la ricchezza dell’eredità che ci hai lasciato, si sente il profumo delle tue mani nelle tue marmellate di tutti i colori“.