Primo piano di Sabrina Beccalli, scomparsa a Crema

Resta ancora da chiarire cosa sia accaduto a Sabrina Beccalli. Sabrina Beccalli sarebbe stata uccisa perché avrebbe detto no alle avance dell’uomo. Pasini avrebbe già ammesso di aver tentato di far saltare in aria l’appartamento, si immagina, col il corpo della donna all’interno. Ma non riuscendoci avrebbe scelto un’altra via. Alessandro Pasini si trova in carcere con l’accusa di aver ucciso Sabrina Beccalli e di averne distrutto il cadavere.

Il video delle telecamere di sicurezza

La ricostruzione sarà di certo aiutata da un video di una telecamera di sorveglianza di una villa di Crema, diffuso dal programma Ogni Mattina di TV8.

Alle 14.11, si vede Alessandro Pasini a bordo della Panda nera di Sabrina. Appena 3 minuti dopo, la telecamera lo immortala di nuovo mentre ripercorre la stessa strada in verso opposto a bordo di un monopattino. La macchina quindi sarebbe stata lasciata direttamente dove poi le è stato dato fuoco. La stessa telecamera infatti lo immortala alle 21.30, mentre si dirige di nuovo nella direzione in cui ha abbandonato l’auto, questa volta per darle fuoco.

Le indagini sul telefono di Pasini

Intanto verrà anche effettuata una perizia sul cellulare di Pasini.

L’uomo potrebbe aver cancellato alcuni messaggi che ora interessano chi si occupa delle indagini. Sott’occhio anche la geolocalizzazione del telefonino che potrebbe dare certezza su tutti gli spostamenti dell’unico sospettato di questo caso. C’è sempre la possibilità però che l’uomo abbia lasciato il cellulare in casa per evitare proprio di essere rintracciato.

Nuove tracce di sangue

I Ris di Parma avrebbero trovato nelle scorse ore tracce di sangue nella casa di Alessandro Pasini. Durante i nuovi accertamenti avrebbero trovato del sangue su un paio di scarpe dell’uomo, rivela Ansa.

Approfondisci

Sabrina Beccalli: tracce di sangue nella casa in cui potrebbe essere stata uccisa

Sabrina Beccalli, nessuna traccia del corpo nella vasca agricola

Sabrina Beccalli: uccisa per aver rifiutato un’avance. Gli inquirenti non hanno dubbi