Scosse di terremoto in provincia di Roma: epicentro a Lariano (Castelli Romani)

Weekend all’insegna del terremoto nell’area della capitale. La terra vicino Roma ha tremato con ben 3 scosse nella notte tra venerdì 28 e sabato 29 agosto. Il giorno precedente un’altra scossa (magnitudo 3.0), sempre ai Castelli Romani, aveva portato un po’ di apprensione, ma fortunatamente nessun danno. Analogamente a quanto successo lo scorso maggio. Questa mattina un’altra scossa è stata registrata al largo di Siracusa.

Scosse di terremoto vicino alla capitale

La prima scossa, alle 14.00 di venerdì 28, ha raggiunto magnitudo 3.0. L’epicentro è stato registrato a Lariano. L’unico disagio provocato dal sisma è stato fortunatamente solo un rallentamento sulla linea C della metro della capitale, per permettere alcune verifiche tecniche.

Nella notte tra venerdì e sabato la terra ha però tremato nuovamente. La scossa più forte delle 3 è stata registrata dall’Ingv (Istituto Nazionale Geofisica e Vulcanologia), alle 00.52. L’epicentro, sempre Lariano, a 9 chilometri di profondità. La magnitudo stavolta è stata di 2.8 sulla scala Richter. Anche in questo caso, fortunatamente, nessun danno. Solo lo spavento per la scossa avvertita anche a Roma.

L’esperto rassicura: “Eventi leggeri e frequenti”

Intervistato da Fanpage, il presidente dell’Ingv Carlo Doglioni ha specificato alcuni dettagli sulle cause delle scosse nella provincia capitolina: “Il terremoto è avvenuto su un vulcano attivo, i Colli Albani, quindi non sappiamo se l’evento sia legato proprio all’attività stessa del condotto magmatico.

I Colli Albani sono un vulcano attivo, quindi hanno una sismicità legata proprio all’evoluzione stessa del vulcano”. Niente paura comunque. Il geologo Doglioni rassicura: “Sono eventi talmente leggeri… In Italia ci sono oltre 150 terremoti all’anno di magnitudo 3, stiamo parlando veramente di un livello di intensità basso, ma è chiaro che a Roma si sente molto di più“.

Scossa al largo della Sicilia

Magnitudo leggermente superiore (3.4) per la scossa registrata questa mattina al largo di Siracusa. Il terremoto è avvenuto alle 6.24 del 29 agosto, precisa l’Ingv, che ha registrato l’epicentro a circa 100 km dalla costa. Il mare ha così attutito la potenza della scossa, che non è perciò stata avvertita dai siciliani. Come nei casi precedenti in provincia di Roma, il sisma non ha provocato danni.