volante dei carabinieri di sera

Ieri, verso le 19, un passante ha notato il corpo di un neonato senza vita in una siepe a Roccapiemonte, in provincia di Salerno. L’uomo, notando il piccolo, ha immediatamente dato l’allarme dando il via alle indagini. Questa mattina la prima importante svolta nel caso.

Fermati marito e moglie

Due persone, marito e moglie, sono stati fermati per l’omicidio del neonato ritrovato ieri, rivela Ansa. Le indagini sono cominciate immediatamente, appena scattata la prima segnalazione di ieri sera, con il lavoro dei Carabinieri del luogo coadiuvati dai colleghi di Mercato San Severino.

Nella notte, poi, i Carabinieri della Compagnia di Mercato San Severino insieme agli uomini del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Salerno hanno sottoposto a fermo di indiziato di delitto per omicidio un uomo e una donna, marito e moglie, rispettivamente di 47 e 42 anni.

Il ritrovamento del corpo del neonato

In un primo momento si era parlato di una coppia di anziani che aveva notato il corpicino in via Roma, nascosto in una aiuola. Il piccolo aveva ancora il cordone ombelicale attaccato. Secondo i primi accertamenti effettuati sul neonato, sulla testa del bambino sarebbe stata rinvenuta una ferita.

Resta da chiarire quando sia avvenuta la ferita: questa potrebbe essere dovuta alla caduta nell’aiuola oppure potrebbe essere avvenuta prima. Per chiarire la cause del decesso bisognerà attendere l’autopsia, intanto il corpo del bambino è stato trasportato all’obitorio di Nocera Inferiore.

Le parole del sindaco

 All’Ansa, il sindaco di Roccapiemonte, Carmine Pagano, ha commentato con parole piene di dolore il ritrovamento del piccolo: “È una tragedia immane che ha scosso la nostra comunità“, ha detto mentre la comunità di Roccapiemonte fa i conti con un ritrovamento che lascia scioccati.

Appena saputa la notizia, il sindaco si è presentato sul luogo del ritrovamento del neonato: “Spero che questa storia possa risolversi presto, chiunque sia il colpevole resta una tragedia infinita“.