Willy Monteiro

Appena qualche giorno fa, il 12 settembre, l’intera comunità di Colleferro, Artena e a tutti i paesi della valle del Sacco, ha detto addio a Willy Monteiro Duarte. Ai funerali era presente anche il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte vicino alla famiglia e a tutta la vicenda che ha scosso il Paese.

Le parole dei genitori

Abbiamo già perdono gli assassini di nostro figlio“, avrebbero detto i genitori di Willy Monteiro, ucciso di botte a Colleferro la notte tra il 5 e 6 settembre. Parole forti che cercano di riportare alla calma una popolazione che ora si scaglia contro i fratelli Bianchi, Gabriele e Marco, Mario Pincarelli e Francesco Belleggia.

Quel giorno, di fronte alla bara del figlio, la madre di Willy avrebbe detto: Me lo hanno portato via in modo orribile. Gli hanno fatto male, tanto male”, “Picchiato in maniera selvaggia. Avrà sofferto, chissà quanto. E lui che non poteva fare niente, a terra indifeso”.

Intanto per i tre detenuti in carcere è stato chiesto l’isolamento anche dopo quello preventivo causa covid. Stefano Anastasia, garante per i detenuti del Lazio, ha fatto sapere: “Trascorse le due settimane di isolamento precauzionale per il Covid, effettivamente si dovrà valutare una adeguata forma di isolamento cautelativo per impedire che i tre possano essere oggetto di attenzioni per così dire, sgradite, all’interno del carcere“.

Caccia ai complici

Intanto però le indagini su quanto accaduto vanno avanti e presto nel registro degli indagati della Procura di Velletri potrebbero finire anche altri nomi, quelli di chi era con i presunti assassini al momento del pestaggio e non ha fatto nulla. Per il momento, rivela TgCom24, si parla di quattro persone a cui si attribuirebbe una condotta omissiva.

Approfondisci

Omicidio Willy: chiesto l’isolamento per i fratelli Bianchi e Pincarelli

Willy, il giorno dell’addio, Conte: “L’Italia ama questa famiglia”

Willy, il dolore della mamma: “Me lo hanno portato via in modo orribile”