elettra lamborghini e il lavaggio al braccio

Non arriva nessuna risposta da Elettra Lamborghini, la famosissima nipote di Ferruccio Lamborghini e prossima alle nozze con il disc jockey di fama mondiale, Afrojack, il venturo 26 settembre. La domanda che in molti le stanno ponendo sui social è la stessa: cosa è successo? Per quale motivo Elettra si è immortalata in una clinica ospedaliera?

Elettra Lamborghini: gli scatti dalla clinica di Milano

Elettra Lamborghini è uno di quei volti che tra i pallini delle stories Instagram appare spesso e volentieri: l’attenzione che il pubblico le dedica sui social è altissima e proprio per questo non è passata inosservata l’ultima “disavventura”, si crede, della piccola di famiglia Lamborghini.

Mentre tutti cercando di trovare appigli e spunti su quelle che saranno le sue blindatissime nozze il prossimo 26 settembre, certo in molti hanno notato che la Lamborghini per un motivo tuttora sconosciuto è finita in clinica.

La storia Instagram con il lavaggio al braccio

Nelle stories pubblicate su Instagram la Lamborghini si mostra serena in volto seppur con la mascherina, sdraiata sul lettino della Clinica Villa Arbe che cercando su internet si scopre essere una clinica di chirurgia estetica in quel di Milano.

Ad essere immortalato in particolare è il braccio della Lamborghini sul quale è chiaramente visibile un lavaggio. Tanti gli indizi che tuttavia, sebbene la Lamborghini non abbia speso ulteriori parole per spiegare l’accaduto, fanno presupporre che non si tratti nulla di grave. A riprova di ciò anche le successive storie che la ritraggono serena e sorridente in viaggio verso Napoli.

Torna la quiete dunque dopo qualche ora di apprensione per lei: i fan, a giudicare dalle risposte anche a numerosi suoi post Instagra, pur senza aver avuto svelato il mistero sembrano aver fatto rientrare l’agitazione.

Approfondisci

TUTTO SU ELETTRA LAMBORGHINI

Elettra Lamborghini e il matrimonio: tutto sulla location ed i preparativi

Elettra Lamborghini esplode: “Se foste tutti così buoni non sarebbe un mondo di me**a”