antonio de marco, eleonora manta e daniele de santis

Emergono nuovi dettagli dall’oscura vicenda di Lecce, dove è stata uccisa la giovane coppia di fidanzati, Daniele De Santis e Eleonora Manta. A ucciderli, con oltre 60 coltellate, è stato il reo confesso Antonio De Marco, per un motivo agghiacciante: erano troppo felici. Sono in corso valutazioni psichiatriche sul giovane, che avrebbe rivelato che la morte della coppia di Lecce non sarebbe stata l’unica in mente.

Antonio De Marco: istinti omicidi anche in ospedale

C’è molto lavoro da fare per stilare il profilo psicologico di Antonio De Marco, 21enne di Casarano che ha ucciso la coppia di fidanzati di Lecce.

Il giovane è in carcere, dove viene sentito da psichiatri che hanno il compito di aiutarlo a fare piena luce su quei ricordi che, a detta del giovane, sono ancora annebbiati. Emergono un po’ per volta, come quando nei giorni scorsi ha rivelato il motivo per cui ha deciso di agire proprio durante una cena con Eleonora e Daniele.

I due giovani brutalmente assassinati, però, forse potevano non essere le uniche vittime di De Marco. Secondo quanto riportato dal Quotidiano di Puglia, infatti, il killer avrebbe riferito di “Istinti omicidi anche durante i turni di tirocinio in ospedale tenuti nei corsi di Scienze infermieristiche“.

Lecce, il killer De Marco pronto ad un gesto eclatante

Parole, le sue, che scoperchiano un vero vaso di Pandora fatto di malessere e profondo disagio, ma anche sadismo. Parlando delle motivazioni che lo hanno portato ad uccidere Daniele ed Eleonora, infatti, il killer avrebbe rivelato che: “Volevo farli a pezzi e bollirli, farli sparire. Erano felici, dovevo ucciderli“.

Tutto questo, si sarebbe potuto o dovuto tradurre in un “gesto eclatante” all’ospedale Fazzi di Lecce, dove De Marco lavorava come tirocinante.

A riportarlo è Repubblica, che tuttavia sottolinea come ci sia il massimo riserbo su quale potesse effettivamente essere il suo piano. Il tutto, risalirebbe addirittura a prima del duplice omicidio.

La richiesta dei genitori di De Marco

Mentre si trova rinchiuso nel carcere di Lecce, Antonio De Marco ha ricevuto la visita dei genitori, nei giorni scorsi. La madre aveva già preso le distanze dal gesto del figlio, chiedendo apertamente scusa in una lettera. Quando gli hanno fatto visita in carcere, invece, entrambi i genitori avrebbero fatto la stessa richiesta a De Marco: di dire la verità, di liberarsi da tutto quello che ancora gli resta dentro.

Dopo le dichiarazioni sul voler bollire i corpi di Eleonora e Daniele, e la terrificante prospettiva di un “gesto eclatante” in ospedale, è una richiesta che rischia di far venire a galla nuovi orrori di questa tragica vicenda.

Approfondisci

Il duplice omicidio dei fidanzati di Lecce

Fidanzati uccisi a Lecce: l’ombra di una delusione d’amore dietro l’omicidio