La giornalista Selvaggia Lucarelli

Tra i personaggi televisivi e web più controversi e divisivi, Selvaggia Lucarelli è nota per riservare stoccate a chiunque con uno sferzante cinismo. Solo nell’ultimo periodo, sono diventate in qualche modo virali le sue bordate contro Barbara D’Urso, ma anche il lungo battibecco con Alessandra Mussolini a Ballando con le Stelle. Prima di tutto questo, però, Selvaggia Lucarelli ha passato un periodo molto buio, che ha raccontato lei stessa.

Selvaggia Lucarelli: gli inizi della carriera

Nel corso dell’ospitata da Daria Bignardi a L’Assedio, la giornalista, conduttrice radiofonica e giurata del talent televisivo si è aperta e pure molto.

A partire dal giudizio, severo, sulla propria vita: adesso sì dà un 7, ma prima di 4-5 anni fa il voto che si è data è un secco e perentorio 4. Tra i motivi, come ha detto, il fatto di non essersi inquadrata fino in fondo, di non aver capito cosa volesse fare. Per qualche anno, ha seguito la strada del teatro, prima di capire che non aveva né la passione né il talento necessario.

Quindi, la svolta con la nascita del suo blog.

Mi ha dato l’opportunità di scrivere” ha detto. Poi però ha proseguito: “Il vero problema della mia vita e che mi ha molto frenata e allontanata è stata la vita sentimentale, la sfera affettiva: ho sempre sofferto di sindrome da abbandono. Quando mi innamoravo mia madre diceva che ero come l’edera che dove si attacca muore“.

L’anno disastroso di Selvaggia Lucarelli

Da qui, la giornalista si è aperta su cosa l’abbia fatta soffrire e segnata in passato. A partire da un amore tossico, fatto di “dinamiche perverse e autodistruttive come una dipendenza affettiva“.

Una relazione nella quale la Lucarelli si è ritrovata a pensare “di non valere nulla oltre quello che vedeva lui, che mi diceva di me stessa“. La “xylella delle relazioni“, ha scherzato poi.

Un malessere che ha coinvolto tutti gli aspetti della sua vita: “Il lavoro era un disastro, pensavo di non valere niente;, da un punto di vista della salute stavo malissimo, ho perso tutti i capelli, almeno metà. Ho avuto quello che si chiama defluvium capillorum, mi ritrovai con ciocche che cadevano nella vasca“.

Selvaggia Lucarelli “Credo di aver rischiato la vita

Icona, oggi, di ferma e talvolta arrogante determinazione, la Lucarelli non nasconde i punti più bassi che l’hanno segnata. “Vivevo in uno stato alterato, credo di aver rischiato la vita: guidavo piangendo e disperandomi, lasciando messaggi inquietanti agli amici, ‘se mi succede qualcosa sapete che cos’è’“. Alla Bignardi, ha poi detto: “A un certo punto ho toccato il fondo, mi sono svegliata una mattina e sono successe una serie di cose. Il direttore di banca che mi chiama dicendo che non avevo più niente, mio figlio poverino mi ha visto per anni triste, cammuffare le mie sensazioni“.

In tutto questo, anche un processo per le fotografie di Elisabetta Canalis, accusata di intercettazione abusiva, accesso abusivo a sistema informatico e violazione della privacy, ma poi in parte assolta. “La considero una conseguenza di quel periodo disastroso – ha detto – Mi interessai di cose inutili e stupide“.

Infine, la risalita: “Mi sono svegliata e ho detto adesso basta. Nel giro dei 6 mesi tutto ha ripreso a germogliare, mi hanno proposto cose nuove, che mi piaceva fare. Una rinascita”.

Guarda il video

Approfondisci

TUTTE le notizie su Selvaggia Lucarelli

Domenica In, Mara Venier sbotta contro Selvaggia Lucarelli: tensione in studio