notre-dame-nizza

Torna l’incubo terrorismo: stamattina, verso le 9, un uomo ha aggredito a colpi di pistola e con un coltello alcune persone nel quartiere Notre-Dame di Nizza. Una donna sarebbe stata decapitata dentro la Chiesa e altre 2 persone sarebbero morte.

L’aggressione: decapitata una donna

Nel centro di Nizza si sono vissuti momenti di vero panico: l’aggressore, Brahim Aoussaoui, 21 anni, a quanto pare sarebbe entrato nella basilica di Notre-Dame, dove ha brutalmente decapitato con un coltello una donna e ferito in modo serio altre due persone, uccidendole, tra cui un uomo di 70 anni e il sacrestano della basilica di Notre-Dame.

Aoussaoui è stato prontamente individuato dalle forze di polizia all’interno dell’edificio e, dopo aver fatto irruzione, lo hanno fermato a colpi di arma da fuoco. Al momento sarebbe in ospedale, ferito, in attesa di poter essere interrogato. La zona è stata bloccata dalle forze dell’ordine, e si teme che l’aggressore potesse avere dei complici.

Il Sindaco di Nizza: “Tutto lascia supporre che sia stato un attentato

Il Sindaco di Nizza, Christian Estrosi, ha raccomandato ai suoi cittadini di evitare la zona e in un tweet ha ringraziato le autorità, sottolineando la probabile matrice terroristica: “Sono sul posto con la polizia nazionale e la polizia municipale che ha fermato l’autore dell’attacco.

Confermo che tutto lascia supporre che sia stato un attentato terroristico nella Basilica di Notre-Dame”.

Il caso Samuel Paty

Il presunto attentato si inscrive in un contesto già complicato: poche settimane fa era avvenuta l’atroce decapitazione di Samuel Paty, professore liceale ritenuto “colpevole”, dal terrorista che lo ha ucciso, di aver mostrato agli studenti alcune vignette dedicate a Maometto della celebre rivista Charlie Hebdo, a sua volta vittima di un attentato terroristico nel 2015.

L’attentatore di Nizza sbarcato a Lampedusa

Brahim Aoussaoui, secondo fonti investigative, sarebbe arrivato a Lampedusa dalla Tunisia il 20 settembre. L’uomo non era stato segnalato dalle autorità tunisine, e il 9 ottobre è stato trasferito al Centro per l’identificazione di Bari, dove si è sottoposto a quarantena.

Fonti giornalistiche riportano che il 21enne tunisino sarebbe poi stato oggetto di decreto di espulsione dal territorio nazionale e coinvolto in indagini per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

Salvini chiede le dimissioni di Lamorgese

Durissima la reazione alla notizia di Matteo Salvini: “Se per l’attentatore di Nizza sono confermati lo sbarco a Lampedusa a settembre, il passaggio da Bari e poi la fuga, chiediamo le dimissioni del Ministro dell’Interno Lamorgese“, ha twittato il leader della Lega.

Il passaggio a Lampedusa di responsabili di attentati terroristici non è però una novità. È stato infatti il caso di Anis Amri, autore dell’attentato ai mercatini di Natale a Berlino nel 2016, come ricorda l’ANSA. In ogni caso il Copasir ascolterà sulla questione la ministra Lamorgese e Franco Gabrielli, capo della Polizia.

Un tweet di Matteo Salvini sull'attentato di Nizza
Un tweet di Matteo Salvini sull’attentato di Nizza

Approfondisci:

La Francia piange Samuel: il professore decapitato da un terrorista

Reading, accoltellamento con 3 vittime: si indaga per terrorismo