vaccino (1)

Il Regno Unito sarà il primo Paese a somministrare alle masse il vaccino di Pfizer-BionTech: la Mhra ha infatti appena approvato il vaccino e si pensa di cominciare a somministrare le prime dosi a partire dalla prossima settimana.

L’Agenzia di regolamentazione dei farmaci nel Regno Unito ha esaminato il vaccino di Pfizer-BionTech ed ha dato la sua approvazione. Il Paese è dunque già pronto a somministrare le prime dosi, che saranno in tuto circa 10 milioni, alle categorie più esposte e le più fragili, per poi vaccinare successivamente il resto della popolazione in base alla priorità.

Il vaccino sarà somministrato in due dosi a distanza di 21 giorni l’una dall’altra: si può dunque stimare che i primi immunizzati effettivi in Uk ci saranno all’inizio di gennaio.

Chi riceverà il vaccino per primo

Come in Italia, anche in Uk sono stati scelti dei criteri di priorità per la somministrazione del virus. Come nel nostro Paese i primi ad essere vaccinati con le 10 milioni di dosi iniziali saranno ospiti e lavoratori nelle Rsa ed operatori sanitari: in più, in Uk verranno considerati come categoria prioritaria anche gli ultra80enni.

Subito dopo verranno somministrate altre 40milioni di dosi (totali, ovvero sufficienti a coprire 20 milioni di persone) che verranno vaccinate all’inizio del 2021.

L’organizzazione dei vaccini

Il ministro della Sanità Matt Hancock ha espresso grande entusiasmo per la decisone dell’Mhra ed ha assicurato che il Regno Unito ha provveduto ad organizzarsi in maniera pronta affinché il processo di somministrazione avvenga in modo efficace.

Il Ceo di Pfizer, Albert Bouria, ha invece dichiarato: “L’odierna autorizzazione all’uso di emergenza nel Regno Unito segna un momento storico nella lotta contro il Covid-19”.

Approfondisci:

Vaccino anti-Covid, c’è la data di arrivo in Italia e il piano di distribuzione

Vaccino anti-Covid, ottime notizie: “Potremmo avere un regalo di Natale”

Vaccino anti-Covid, allarme della virologa Capua: i vaccinati potrebbero essere contagiosi