foto di alberto genovese

Anche la fidanzata (o ex fidanzata, la questione è poco chiara) di Alberto Genovese sarebbe finita nel mirino delle indagini e risulta al momento indagata per concorso in violenza e cessione di droga. La ragazza, secondo alcune testimonianze fornite da nuove presunte vittime, sarebbe stata presente in altre aggressioni precedenti a quella che sarebbe avvenuta nell’attico dell’imprenditore lo scorso 10 settembre.

La giovane accusata di concorso in violenza e cessione di droga

Procedono le indagini a carico di Genovese e, ora, anche a carico della sua fidanzata. La ragazza, 25 anni, vivrebbe con l’imprenditore un rapporto a intermittenza (i due erano insieme al momento dell’arresto di lui, ma si sarebbero lasciati diverse volte) e secondo diverse ragazze che avrebbero dichiarato di essere state molestate -o di supporre di essere state molestate mentre erano sotto l’effetto di droghe- la 25enne sarebbe stata presente in camera da letto con Genovese in quei momenti, e non avrebbe opposto resistenza alle azioni del fidanzato.

Una delle testimonianze raccolte su presunti casi di aggressione da parte di Genovese e della fidanzata è stata ascoltata al programma tv Ore 14: “Ho saputo che girano delle voci su Genovese, nello specifico si dice che lui e la sua ex fidanzata, di cui non so il nome, erano soliti drogare le ragazze alle loro feste private per poi violentarle“.

La testimonianza: il comportamento della fidanzata

Sempre durante il programma ha parlato anche una ragazze che dichiara di essere sfuggita per un pelo ad un’aggressione e di aver assistito al comportamento complice della fidanzata di lui: “Lui insisteva per ballare con me, ma era una semi-lotta: mi toccava e mi palpeggiava, ha iniziato a spogliarmi contro la mia volontà.

Ho chiesto alla sua fidanzata di aiutarmi, di dirgli di smetterla, ma lei assisteva (…) Ho pensato: da qui ne esco male. Ero terrorizzata, non sapevo cosa fare: avevo paura di farlo arrabbiare, avevo paura di reagire”. Stando a quanto raccontato dalla ragazza, sarebbe riuscita a chiamare il fidanzato chiedendo aiuto e per questo Genovese l’avrebbe poi cacciata di casa.

Parla una presunta vittima

Un’altra ragazza, come riportato al Corriere della Sera, avrebbe parlato di una presunta aggressione avvenuta a Ibiza nei mesi estivi.

La giovane ha nominato la fidanzata di Genovese dichiarando che era presente in camera con lui, anche se purtroppo per stessa ammissione della giovane il racconto avrebbe diversi momenti bui: “Mi hanno invitata ad andare in camera, per fare un’altra striscia di cocaina, io li ho seguiti, ed avevo chiesto se io potevo farmi di `2CB´. Loro hanno acconsentito e sono andata (…) Da quando sono entrata in camera ed ho tirato una striscia di stupefacente di colore rosa che io pensavo fosse `2CB´, non ricordo più nulla“.

Approfondisci:

Alberto Genovese, parla la vittima: “Attaccata ingiustamente, fa male”

Gabriele Parpiglia sul caso Genovese: “C’erano denunce precedenti, ma non è stato fatto niente”