Paolo Rossi e Federica Cappelletti

Mentre tutta Italia piangeva la scomparsa di Paolo Rossi, il giorno dei suoi funerali la sua abitazione di Bucine, nelle campagne di Arezzo, è stata svaligiata. Scomparsi l’orologio del campione della Nazionale, insieme ad alcuni gioielli e ai contanti, ma non sarebbero stati toccati i trofei vinti da Rossi. È stata la moglie Federica Cappelletti a confermare il furto, dopo essere tornata in fretta nell’agriturismo. Oggi commenta il fatto con rabbia e dolore.

Le parole di Federica Cappelletti, moglie di Paolo Rossi

La giornalista ha rilasciato un commento sul furto nella casa che condivideva con Paolo Rossi fino a pochi giorni fa a QN.

Federica Cappelletti esprime tutta la sua rabbia e il suo stupore per un episodio del genere: “Non ho neppure la forza di parlare. Non bastava la morte di Paolo, non bastava lo stress di queste giornate massacranti, non bastava il dolore di tutti noi. Hanno voluto infangarlo anche nel giorno in cui tutta Italia lo piangeva“.

Tra i beni trafugati anche l’orologio Rolex a cui Paolo Rossi era particolarmente affezionato. Non è però il valore di quanto depredato, ma il fatto stesso ad addolorare Federica Cappelletti: “Non mi importa di quello che hanno rubato, potrebbero essersi portati via anche 100mila euro e non me ne fregherebbe niente.

Ma è il gesto che stordisce“.

Le indagini sul furto alla villa di Paolo Rossi

Per il momento non è noto quante persone abbiano partecipato al furto, mentre a Vicenza si svolgevano i funerali di Pablito, scomparso a 64 anni. Federica Cappelletti è stata allertata mentre si trovava a Perugia da qualcuno che si è accorto di cosa era successo e che ha chiamato i Carabinieri.

Una volta tornata a casa a Bucine, in tarda serata, la moglie di Paolo Rossi ha trovato una finestra rotta e gli interni messi a soqquadro. Ora si cerca ogni indizio che aiuti a identificare gli autori di questo orrendo gesto.

Approfondisci:

Morto Paolo Rossi, da Zoff a Trapattoni: il commosso addio a Pablito

Paolo Rossi sulla decisione di diventare calciatore: “Mamma era scettica”