una ragazzina

Secondo quanto emerso dalle indagini, la ragazzina di 13 anni avrebbe agito “mossa dalla gelosia”. I fatti sono avvenuti in Brasile: una giovane ragazza appena adolescente avrebbe ucciso suo padre per gelosia nutrita nei suoi confronti. Una gelosia che sarebbe stata scatenata dalla compagna di suo padre, la sua matrigna di cui la 13enne si era innamorata.

13enne si innamora della matrigna

L’omicidio è avvenuto a Jataí in Brasile, in piena notte nella domenica di di qualche settimana fa. La ragazza viveva con la nonna ma comunque a pochi passi dalla casa del padre, casa dalla quale era stata allontanata proprio per via della gelosia della ragazza.

Qualche giorno prima del delitto la 13enne ha inviato infatti diversi messaggi e una lettera in cui professava il suo amore per la matrigna e le chiedeva di lasciare il padre per proseguire la loro vita insieme.

La ricostruzione dell’omicidio

Quella domenica notte la ragazza, prima di agire, si sarebbe bevuta diverse lattine di birra per perdere la lucidità e convincersi delle sue azioni. Successivamente si sarebbe poi presentata in piena notte a casa del padre svegliando sia lui che la compagna per farsi aprire e con la scusa di volersi riappacificare, professandosi conscia degli errori commessi, avrebbe poi estratto un coltello da cucina che ha conficcato nel petto del padre ferendolo gravemente.

La compagna, Maely Hellen Carvalho, ha chiamato immediatamente i soccorsi i quali hanno portato l’uomo all’ospedale Dr. Serafim de Carvalho. Una volta arrivato in ospedale però, i medici non hanno potuto fare altro se non dichiararne il decesso.

L’arresto e la confessione della 13enne

Allertata la polizia, la ragazza aveva già lasciato la casa.

È stata ritrovata dagli agenti qualche minuto dopo, seduta in completo silenzio sul marciapiede della casa della nonna a pochi isolati dalla scena del delitto. Secondo quanto riportato dal giornale inglese Sun, durante l’interrogatorio ha confessato l’omicidio e il movente. Era innamorata della matrigna e gelosa del rapporto che questa aveva col padre invece che con lei. Si legge anche che un parente, che non si è voluto rendere noto, ha ammesso che la situazione era nota in famiglia ma che nessuno avrebbe pensato si potesse arrivare a tanto.

Dopo un breve lasso di tempo passato alla centrale di polizia, la ragazza è stata trasferita in un centro di detenzione minorile. Data la sua età e secondo quanto previsto dalla legge brasiliana, la 13enne potrebbe subire una pena non superiore ai 3 anni.

Approfondisci

Violentate e torturate per anni: 3 sorelle uccidono il padre-orco

Bimba di 3 anni muore dimenticata in auto mentre i genitori guardano la tv

Madre tortura e inietta candeggina alla bimba di 18 mesi: “Volevo morisse lentamente”