Mario Cerciello Rega

Prosegue in aula a Roma il processo pre la morte del Carabiniere Mario Cerciello Rega, ucciso da numerose coltellate nel luglio del 2019. Un controllo in borghese finito in rissa e con l’assalto di due giovani, Natale Hjorth e Finnegan Elder Lee, che ora rispondono della sua morte. Nel corso del dibattimento, è intervenuta anche la madre di Elder Lee, rivelando anche un dettaglio sul passato del figlio.

Parla la madre di Elder Lee, assassino di Cerciello Rega

Nelle scorse settimane, nel corso del processo che si sta tenendo al Tribunale di Roma, erano emersi nuovi elementi su alcuni dei punti più controversi della vicenda del vicebrigadiere Mario Cerciello Rega, ucciso il 26 luglio 2019.

In quel momento, infatti, il Maresciallo Manganaro ha rivelato perchè ha bendato Natale Hjorth in caserma, quella notte. Un passaggio che potrebbe giocare a favore della difesa nel processo per la morte del militare.

Oggi, invece, è stata sentita la madre di Finnegan Elder Lee, il giovane che di fatto ha accoltellato e ucciso Mario Cerciello Rega. La sua morte, ha detto la donna secondo quanto riportato, ha segnato profondamente tutte le parti in causa.

La nostra vita è tragicamente cambiata, sconvolta per sempre, come quella della famiglia di Cerciello, Nel dicembre 2019 ho inviato una lettera alla famiglia del carabiniere Cerciello per dire che eravamo in lutto per loro e che stavamo soffrendo come loro” le parole di Leah Elder a Roma.

La chiamata di Elder Lee alla madre

Secondo quanto riporta Adnkronos, la madre di Elder Lee avrebbe poi raccontato i momenti successivi a quella notte, quando il figlio l’ha chiamata per la prima volta.

Mi fece una video chiamata. ‘Mi dicono che ho ucciso un poliziotto’ mi disse. Vedevo il suo viso ma non era lui a tenere il telefono, mi disse che la situazione era molto grave” avrebbe detto. Un altro passaggio riporta: “Tremava e mi disse ‘scusa mamma, ti voglio bene’”.

Il racconto di Elder Lee sulla morte di Mario Cerciello Rega: scopri di più

Parole drammatiche, come quelle della moglie di Cerciello Rega emerse nei mesi scorsi. La donna ha raccontato i difficili attimi di quella notte:Ricordo mio marito sul lettino di ospedale, con un lenzuolo addosso, gli ho dovuto chiudere gli occhi perché me lo avevano ucciso“.

Il tentato suicidio di Elder Lee

Sempre la madre del giovane che sta subendo un processo a suo carico, ha confessato un altro dettaglio sulla vita del figlio, al vaglio nell’aula di tribunale. Dopo averlo descritto come un bambino agitato, ha fatto emergere la notizia che Elder Lee avrebbe provato ad uccidersi nel 2018: “Abbiamo saputo che ha tentato di suicidarsi. Stava in un’auto con degli amici, con molta droga e alcol, e ad un certo punto si è prima tagliato il braccio e poi è corso verso il molo che sta sotto il Golden Gate e si è lanciato nell’oceano.

Gli amici lo hanno tirato fuori dall’acqua ma lui diceva: lasciatemi morire‘”.

Approfondisci

Le notizie sulla morte di Mario Cerciello Rega

Mario Cerciello Rega, il racconto della moglie: “I suoi occhi li ho dovuti chiudere io”

Omicidio Cerciello Rega, spunta il mistero del documento mancante