Folla in giro per Natale con Coronavirus

Prosegue l’avvicinamento ai giorni al momento più temuti dell’anno, quelli delle Feste di Natale durante la pandemia da Coronavirus. I dati del bollettino di oggi certificano l’andamento piatto ma non estremamente discendente della curva. Valori che rinforzano l’idea del Governo di imporre nuove pesanti restrizioni per tutto il periodo delle Feste.

Coronavirus, sale l’indice di positività

Non buone notizie dal bollettino di oggi, 16 dicembre 2020. Secondo quanto condiviso dal Ministero della Salute, il tasso di positività è salito di nuovo dell’1,1%, salendo così a 9,8%. In concreto, sono stati 185.320 i tamponi effettuati e tra questi sono stati individuati 18.236 nuovi casi da Covid-19.

Un numero in aumento rispetto alla giornata di ieri.

Aumentano lievemente anche i morti, 683 nelle ultime 24h. Il dato dei decessi resta così altissimo e il totale sale a 67.220. Le note positive arrivano ancora dal trend sugli ospedali: discreto calo dei pazienti in terapia intensiva (-71) e dei ricoverati lievi (-470). Il numero dei guariti invece è di 27.913 persone, che contribuisce a diminuire il totale degli attualmente positivi, comunque altissimo a quota 635.343.

Boccia assicura: Natale a casa propria

A certificare, ancora una volta, la preoccupazione per i dati in vista delle festività, ci ha pensato il Ministro Francesco Boccia. A Sky TG24, ha ribadito che sono in arrivo nuove misure per il periodo di Natale: probabile quindi un Italia tutta in zona rossa almeno nei giorni festivi e prefestivi, fino a dopo le Feste. Boccia ha dichiarato: “Dobbiamo fare delle scelte per tutelare i più fragili e gli anziani, a costo di sfiorare l’impopolarità. Dovremo passare il Natale ognuno a casa propria“.

Il Ministro è drastico sul tema delle restrizioni: “Fosse per me le farei da stasera“.

Zaia anticipa tutti: misure in Veneto da sabato

Il nuovo cdm che dovrebbe dettare la nuova e più severa linea per Natale, è in programma domani alle 18. Troppa incertezza e attesa, per Luca Zaia, che ha anticipato il Governo con una nuova ordinanza regionale. Il Governatore del Veneto ha annunciato “da sabato 19 dicembre al 6 gennaio la chiusura dei confini comunali dalle ore 14, mantenendo inalterate le attività produttive e commerciali. Però dalle ore 14 avranno come clienti solo i residenti del proprio Comune“.

L’ordinanza, definita una “soluzione di equilibrio“, dovrebbe entrare in vigore a partire da domani alle 12.30.

Approfondisci

TUTTO sull’emergenza Coronavirus

Covid-19, il vaccino in Italia prima del previsto: l’annuncio di Speranza