gessica notaro

Gessica Notaro è ospite insieme alla madre Gabriella a Live – Non è la d’Urso. È la prima intervista dalla condanna in Cassazione per Edson Tavares, l’uomo che l’ha sfregiata con l’acido. Un lungo processo che è andato avanti per 4 anni, in cui Gessica ha dovuto subito diversi attacchi, anche, come denuncia questa sera, da parte dagli avvocati dell’ex.

Gessica Notaro: “Sentenza storica”

Ce l’abbiamo fatta“, dichiara Gessica Notaro, dopo 4 anni in cui ha dovuto mandare giù “molte cose, anche di cui non ho parlato pubblicamente“. L’ex Miss sfregiata con l’acido commenta la sentenza che ha visto l’ex Edson Tavares condannato a 15 anni.

È stato un segnale molto forte da parte della magistratura, perché non ha tolto neanche un giorno“, dichiara a Live – Non è la d’Urso, “Questa è una sentenza storica, che sarà d’esempio per i casi futuri“. Gessica si dice tranquilla sapendo che lui ora è dietro le sbarre e continua: “Mi chiedo a questo punto se lui ora è colpevole anche per i suoi legali difensori“.

L’accusa agli avvocati

Ora che la vicenda giudiziaria si è conclusa, Gessica Notaro decide di togliersi dei sassolini dalle scarpe.

Dichiara che in questi anni si è sempre comportata con il massimo rispetto, anche quando avrebbe potuto trattare la tremenda aggressione che ha subito in “modo meno diplomatico“.

Io sono 4 anni che continuo a mandare giù oltre al danno anche la beffa. È assurdo che una vittima debba sentirsi messa sul banco degli imputati. Nonostante sia sempre stata molto oggettiva, ci sono modi e modi anche per fare gli avvocati“, sbotta.

“Mi ha riso in faccia”

L’ex Miss racconta alcuni episodi, in particolare, in cui gli avvocati difensori di Tavares l’avrebbero sbeffeggiata: “Potrei parlare del processo in primo grado quando sono arrivata a testimoniare per molte ore di fila e per poter stare seduta lì continuavo a spruzzarmi di acqua termale per la faccia“.

La ragazza continua dichiarando che “dopo 4 ore di testimonianza” uno degli avvocati “mi ha riso in faccia. Il giudice ha detto ‘Guardi avvocato, in questo processo non c’è proprio niente da ridere’. Non è finita molto bene perché gli dissi che mi sembrava veramente assurdo” il trattamento che stava subendo “e si è alzato per fare il gesto di togliersi la toga“.

Il giudice avrebbe minacciato di estrometterlo se fosse uscito dalla stanza.

Le accuse per essere andata in tv

Anche le sue partecipazioni televisive, dove ha condiviso il suo dramma per aiutare altre vittime di violenza, sono state oggetto di battaglia. “Mi vengono continuamente mandate delle frecciatine, anche prima della Cassazione“. Le sarebbe stato rinfacciata la questione che lei “è sempre in televisione. Io ho tutto il diritto di parlarne in tv con estrema educazione senza dire mai niente più del dovuto“.

Le sue apparizioni televisive non sono state certamente facili: “Mi sento ferita nel momento in cui le mie ferite le hanno viste tutti, e mi sento dire che i suoi legali difensori richiedono una nuova perizia medica perché tutto sommato non stavo così male. Hanno presentato al giudice una mia foto al mare girata di schiera“. I legali avrebbero anche “chiesto l’attuante perché io lo provocavo. Siamo alle solite. Finché ci sono avvocati che svolgono il lavoro in questo modo siamo rovinati“.

Il dolore della madre Gabriella

La madre di Gessica Notaro, Gabriela, racconta lo shock e la sofferenza di quei momenti terribili.

Ricorda che Edson Tavares “aveva due facce. Con me si comportava benissimo, e con lei… Io non lo sapevo“. La sera dell’aggressione, “lei ha suonato, mi sono chiesta perché non avesse usato le chiavi. Quando ho aperto sono rimasta senza parole, sembrava avesse una maschera di plastica. Mi ha detto: ‘Mamma sto bruciando, vero?‘. Ho preso le chiavi e l’ho portata al Pronto Soccorso“.

Gabriella continua dicendo che “da quella sera non ho pianto più, non ho pianto nemmeno per il funerale di mia mamma, sono bloccata“. La donna spiega la grande forza della figlia: “Il giorno dopo c’era la fila di amici.

Come son arrivati tutti ha detto ‘Oh non sto mica morendo!’. Poi aveva i suoi momenti, piangeva a casa. Per non darmi pensiero faceva la forte. Il viso si è messo a posto in fretta, ma ha dovuto fare tante di quelle cure…“. Gessica Notaro commenta: “Quando ti trovi in una situazione del genere la forza la trovi“.

Approfondisci:

Gessica Notaro sull’aggressione: “È stata la mia follia a salvarmi?”

Violenza sulle donne, aumento delle richieste d’aiuto del 120%