gessica notaro

In occasione della Giornata Mondiale per la Lotta contro la Violenza sulle Donne, un importante contributo arriva da una delle sfortunate protagoniste di questa violenza. Gessica Notaro, la Miss sfregiata con l’acido dall’ex fidanzato, ha infatti condiviso un video in cui riassume cosa abbiano significato per lei questi ultimi anni, mostrando anche le “immagini molto forti” del volto subito dopo l’aggressione.

25 novembre, il video di Gessica Notaro

Lo dice a chiare lettere dai suoi profili social: “Finalmente è arrivato il momento di mostrarvi tutto“. Con queste parole, Gessica Notaro condivide un video che altro non è che un riassunto di quello che le è successo da quando l’ex Miss Romagna è stata sfregiata con l’acido.

Uno dei tanti, troppi atti di violenza contro le donne degli ultimi anni, che ha avuto come conseguenza una vita stravolta per sempre.

Sono passati quasi 4 anni da quel giorno e proprio in questo periodo stavo ultimando il mio disco ‘Gracias La Vida’ – scrive la Notaro – Poco dopo, il buio totale“. Un lavoro che si è prolungato a lungo, dopo l’aggressione, “senza però farne un videoclip, per ovvie ragioni“. “Ero visibilmente distrutta – ha aggiunto – Fisicamente e psicologicamente“.

Incubo finito per Valentina Pitzalis: leggi la decisione del giudice

Gessica Notaro mostra le ferite della sua aggressione

Come testimoniato già nel corso di questi ultimi anni, tramite post e dichiarazioni pubbliche, Gessica Notaro ha cercato di uscire da quel buio seguito all’attacco: “Ho capito che nulla succede per caso, che quella canzone, che rappresenta un vero e proprio inno alla vita, non era arrivata per caso. Anzi, è arrivata nel momento giusto. Perché mai come da quel 10 gennaio avrei potuto imparare che la vita va ringraziata ogni giorno per ciò che ci dà e non accusata per ciò che ci toglie” ha scritto.

Da qui, la scelta di realizzare un videoclip molto diverso da quello che sarebbe stato senza quell’aggressione. La scelta è quella di raccontare il suo percorso, prendendo immagini pre e post aggressione, senza nascondere nulla: “Le immagini sono molto forti, lo so, ma penso che quest’ultime come nient’altro possano fungere da monito per il prossimo 25 Novembre“.

Il suo messaggio, si conclude così: “Io sono viva, sono una miracolata e questo video ne è la testimonianza. Chiedo a tutte voi donne che mi seguite: vogliatevi bene! Amatevi! Perché la vita è una sola e deve essere vissuta con rispetto, amore vero e dignità“.

In arrivo la sentenza della Cassazione

Il passo fatto da Gessica Notaro in occasione di questo 25 novembre, va di pari passo con l’attesa della sentenza della Corte di Cassazione su Edson Tavares, l’uomo che l’ha sfregiata. In appello, è arrivata la condanna a 15 anni e 5 mesi. Ospite di Barbara d’Urso il giorno prima dell’inizio dell’ultimo atto processuale, Gessica Notaro ha detto: “Ho ancora difficoltà a livello fisico, con interventi da affrontare, ma quelle psicologiche sono molto dure. L’aggressione è arrivata da sinistra, ogni volta che qualcuno si avvicina da quel lato ho timore“.

La cantante spera ancora di poter recuperare funzionalità all’occhio sinistro, ma guarda avanti: “Le cicatrici possono essere un punto di forza, l’ho raccontato anche in un video, con immagini forti e crude, dello stato delle mie ferite subito dopo l’aggressione, per raccontare a tutti quello che mi è successo“.

Approfondisci

Gessica Notaro sull’aggressione: “È stata la mia follia a salvarmi?”

Gessica Notaro avvisa i fan: qualcuno si spaccia per lei per chiedere soldi

Violenza sulle donne, aumento delle richieste d’aiuto del 120%