vaccino (1)

È stato reso noto chi saranno, nello specifico, le 5 prime persone che verranno vaccinate con il nuovo vaccino BioNTech-Pfizer in Italia.

La somministrazione del vaccino verrà effettuata allo Spallanzani di Roma, dove verranno custodite le prime dosi che arriveranno.

La comunicazione del generale Portulano al Presidente della Repubblica è arrivata poche ore fa, ed è stata riportata da Ansa: “Su richiesta del commissario Domenico Arcuri abbiamo dovuto pianificare con urgenza la distribuzione del vaccino Pfizer che giungerà in Italia il 24, sarà custodito in una prima fase nell’hub centrale dello Spallanzani e, a cura della Difesa, sarà distribuito e somministrato su 21 siti nazionali”.

A chi andranno le prime 5 dosi

La direzione dell’ospedale Spallanzani ha diffuso una nota in cui ha spiegato a chi verranno somministrate le prime 5 dosi: “La Direzione dell’Istituto Nazionale di Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani comunica che nella giornata di domenica 27 dicembre, giornata del V-Day, saranno somministrati i primi cinque vaccini anti-COVID a altrettanti dipendenti dell’Istituto e precisamente: una infermiera, un operatore socio sanitario (OSS), una ricercatrice e due medici”.

La prima sarà proprio l’infermiera, ed a seguire verranno vaccinati gli altri 4.

Le somministrazioni cominceranno il 27 dicembre.

Il nuovo ceppo del virus

Al contempo, continuano ad emergere pareri e rassicurazioni riguardanti il rapporto tra il vaccino ed il nuovo ceppo di virus isolato: “Non sappiamo ancora precisamente se il nostro vaccino possa proteggere anche contro questa. Dal punto di vista scientifico, però, è altamente probabile che il nostro vaccino possa difendere anche contro questa variante“.

Le parole del Presidente Mattarella

Intanto, arrivano parole di soddisfazione anche da parte del Presidente Mattarella, riportate da Ansa: “Un ruolo prezioso e determinante sarà ricoperto dalle articolazioni della Difesa anche nelle attività fondamentali connesse alla gestione della campagna vaccinale, in concorso con il Servizio sanitario nazionale.

Gli italiani, oltre ad essere orgogliosi delle forze armate, sono riconoscenti per quanto fanno per la difesa e la sicurezza del nostro Paese”. Il Presidente ha parlato in video collegamento con il Comando Operativo di Vertice Interforze.

Approfondisci:

Tutto sul Coronavirus

Tutto sul vaccino per il Covid-19

Vaccino Covid-19, l’Ema dà ok condizionale: soddisfazione dal ministro Speranza