Titolo:CAMPAGNA VACCINAZIONE

Una dottoressa di Siracusa è risultata positiva al Covid-19, circa 6 giorni dopo che le era stata somministrata la prima dose di vaccino Pfizer.

Si tratta di un episodio che sta facendo discutere molto ma che in realtà è decisamente in linea su ciò che può accadere dopo una sola dose di vaccino che, come spiegato nelle linee guida del farmaco, da sola non garantisce una copertura solida dal contagio.

La dottoressa: “Farò il richiamo”

La dottoressa di cui si parla è di Siracusa: qualche giorno fa la donna, che lavora all’ospedale Umberto I, era andata con un pullman a Palermo, insieme a un team di medici, per sottoporsi al vaccino.

Ieri si è scoperto che la donna sarebbe positiva e si è subito attivato un iter di monitoraggio di tutti coloro che erano entrati in contatto con lei.

La donna, riporta Agi, sarebbe in buone condizioni ed è contenta di essersi sottoposta a vaccino. A quanto pare si era sottoposta a frequenti tamponi ma il virus, forse ancora in incubazione, non si era manifestato. “Farò il richiamo che rappresenta l’unica grande opportunità che abbiamo per vincere questa battaglia.

Se non l’avessi fatto (il vaccino, ndr) il virus indisturbato mi avrebbe arrecato magari un danno irreversibile. Proprio il vaccino, che produce una proteina spike che aiuta a formare gli anticorpi anticoronavirus e blocca la progressione virulenta del virus, contribuirà a bloccare la replicazione virale e a contenere gli effetti patogeni del virus”, ha aggiunto la donna.

Il parere degli esperti

Franco Locatelli, Presidente del Consiglio Superiore di Sanità, è intervenuto per placare qualsiasi dubbio sull’efficacia del vaccino: “Negli articoli scientifici -riporta Ansa- è chiaramente riportato che anche negli studi clinici si sono infettate persone dopo la prima dose proprio perché la risposta immunitaria non è ancora completamente protettiva.

E lo diventa soltanto dopo la seconda dose. Questa è una delle ragioni per non abbandonare comportamenti responsabili dopo essere stati vaccinati”.

L’immunologo Matteo Bassetti ha fatto dichiarazioni simili ad Agi: “La persona in questione, probabilmente, era positiva già prima di fare il vaccino. Stava già incubando la malattia. Bisogna spiegare bene alla gente quanto tempo serve a sviluppare le difese e da quando si è protette: ovvero dopo la seconda dose”.

Approfondisci:

Tutto sul Covid-19

Tutto sul vaccino per il Covid-19