medici che trasportano un paziente covid

Il numero che tristemente spicca nell’odierna giornata è quello delle vittime, tornato a essere al di sopra di quota 600. Intanto da Palazzo Chigi arriva l’ok, al termine di un lungo Consiglio dei Ministri, sulle misure anticontagio in vigore dal 7 al 15 gennaio. Ancora diversa la situazione per quanto riguarda le scuole che non avranno una data riapertura valida per tutta l’Italia.

Covid-19: il bollettino del 5 gennaio

Non sono i dati sperati e anzi, il numero di decessi registrato nelle ultime 24 racconta di un’epidemia che rischia di diventare nuovamente inquietante con accelerate che si teme di non poter tenere sotto controllo.

Di questi momenti l’ultimo bollettino del Ministero della Salute che riferisce sui dati dell’emergenza raccolti nelle ultime 24 ore in Italia: sono 15.378 i nuovi casi positivi al Covid-19 registrati oggi con una crescita vistosa in Veneto, passata dai 1.600 casi di ieri ai 3.151 di oggi. 569.161 le persone attualmente positive al virus in Italia cui 543.197 in isolamento domiciliare.

649 decessi in 24 ore

23.395 le persone ricoverate in ospedale con sintomi con numeri che salgono in corsia, +78 casi, e numeri che invece scendono in terapia intensiva dove i ricoveri attuali sono 2.569, 10 unità in meno rispetto a ieri.

1.536.129 in tutto le persone guarite dal virus, 16.023 in più rispetto a ieri. 135.106 i tamponi effettuati oggi e 182.442 invece i vaccinati. Come dicevamo però, ad attirare l’attenzione continua ad essere il numero delle vittime tornato vistosamente a crescere rispetto a ieri: 649 i decessi registrati nelle ultime 24 ore per un totale di 76.329 vittime.

Le misure in vigore dal 7 al 15 gennaio

Sono state ore cruciali per il Governo che ha legiferato sulle venture misure di sicurezza che saranno in vigore dal 7 sino al prossimo 15 gennaio.

Sul ritorno a scuola la meglio l’hanno avuta le regioni con aperture scaglionate in tutta Italia. Sarà dunque, tornando alle misure anticontagio, un’Italia con weekend “arancioni” e giorni feriali “gialli” rafforzati.

Approfondisci

TUTTO sul CORONAVIRUS

Dpcm, spostamenti e divieti: cosa si può e non si può fare dal 7 al 15 gennaio

Nuovo Dpcm, tra proroghe e “zone bianche”: cosa accadrà dopo il 7 gennaio