Attilio Fontana con la mascherina di fronte al microfono

Il governatore della Lombardia Attilio Fontana ha appena annunciato la nuova squadra della giunta della Regione Lombardia. Fuori Giulio Gallera e dentro Letizia Moratti che diventa quindi assessore al Welfare. E non solo, l’ex ministro dell’Istruzione ed ex sindaco di Milano assume anche la carica di vicepresidente della Regione, fino a questa mattina in mano a Fabrizio Sala.

L’annuncio di Fontana

Questa mattina Fontana ha spiegato che “Il lavoro di questa settimana molto intenso è stato dedicato all’ascolto di idee, progetti e critiche per assumere nuove importanti decisioni che riguardano il futuro della nostra Regione.

Abbiamo voluto concentrarci per immettere nuove forze fresche per continuare a guardare con determinazione al futuro della nostra Regione e fare in modo che possa ricominciare a correre con la stessa forza con cui aveva corso negli scorsi anni. Il punto è la ripartenza della Lombardia che deve essere la Regione che contribuisce a trainare l’intero sistema Paese“.

La Moratti al posto di Gallera

L’introduzione prima di annunciare chi saranno quindi i 3 assessori che lasceranno l’incarico: Silvia Piani, assessore alla Famiglia; Martina Cambiaghi, assessore allo Sport; e infine anche il nome illustre Giulio Gallera, tra i più chiacchierati durante la gestione dell’emergenza coronavirus in Lombardia.

Proprio parlando di Gallera, Fontana ha specificato che “Quest’ultimo ha svolto un lavoro molto pesante in questi ultimi mesi, era particolarmente stanco e ha condiviso un avvicendamento“.

Non solo la Moratti, comunque, in giunta entrano anche l’ex ministra Alessandra Locatelli, alla Famiglia e alle deleghe di Solidarietà sociale, Disabilità e Pari Opportunità; poi ancora il leghista Stefano Bolognini, che sarà assessore allo Sviluppo della Città metropolitana, Giovani e Comunicazione. E ancora Guido Guidesi, Lega, allo Sviluppo Economico, al posto di Alessandro Mattinzoli, che diventa assessore a Casa e Housing Sociale.

Le polemiche

Subito dopo l’annuncio si è anche scatenata la polemica. Massimo De Rosa, capogruppo del Movimento 5 Stelle Lombardia, ha detto: “La Lombardia e lombardi sono stati umiliati da scelte di partito. Salvini decide sulle poltrone e Fontana legge le sue veline, è il suo ufficio stampa“. E ancora: “Il consiglio regionale è esautorato da ogni suo ruolo a favore di un punto stampa dove non è esistita la possibilità, per decine di organi d’informazione, di chiedere conto di decisioni assunte dalle segreterie dei partiti.

Il ruolo della presidenza della Lombardia è svilito, insieme a quello della regione, a megafono di un leader di partito che conosce solo l’alfabeto della propaganda“.

Approfondisci

Gallera nella bufera per l’errore sull’indice di contagio: “Squallida messinscena”

Attilio Fontana: chi è Roberta Dini, moglie del presidente della Lombardia