Jasmine Carrisi a Verissimo

A Verissimo Silvia Toffanin intervista una figlia d’arte che si sta facendo spazio nel mondo della televisione e della musica: Jasmine Carrisi, figlia di Al Bano e Loredana Lecciso. La ragazza è stata giudice di The Voice Senior al fianco del padre, con il quale ha un rapporto davvero speciale. “Mi supporta in maniera sana“, il suo commento.

Jasmine Carrisi a Verissimo

Si è fatta apprezzare dal pubblico di Rai1 in veste di giudice a The Voice Senior, ruolo che ha ricoperto in coppia con papà Al Bano. Ma il suo percorso di crescita passa anche attraverso la musica, nella quale ha tutta l’intenzione di affermarsi e di seguire così le orme del padre.

I desideri e i sogni di Jasmine Carrisi sono innumerevoli e, considerata la sua giovane età, ha tutto il tempo per rincorrerli e, possibilmente, esaurirli.

Intanto per la ragazza arriva un’intervista a tu per tu con Silvia Toffanin, nel salotto di Verissimo.

Il rapporto con i genitori

Alla padrona di casa, Jasmine Carrisi racconta che tipo di genitori sono Al Bano e Loredana Lecciso: “Papà e mamma sono genitori molto tranquilli.

Mia madre è moto ansiosa per tutto, mi perseguita in tutto e lo fa perché mi vuole bene e lo so. Però sono bravissimi genitori, ti spingono sempre a fare di più, sono genitori moderni“.

Successivamente la ragazza, giovane promessa della musica, riceve un dolcissimo video-messaggio da parte di papà Al Bano, che spende per lei parole al miele. Il rapporto con il padre è stato speciale sin da piccola: “A 12 anni ho inciso un po’ di pezzi da regalare a papà perché questo dimostra che mi piace la musica da sempre.

Gliel’ho fatto come regalo di compleanno“.

Papà Al bano? “Mi supporta in maniera sana

Jasmine Carrisi approfondisce questo rapporto con papà Al Bano: “Lui mi sprona sempre a fare di più, però quando mi sforzo a fare di più lui lo riconosce sempre. Mi supporta in maniera sana, è felice di cuore perché gli piace quando faccio quello che piace a me. Crescendo il nostro rapporto è cresciuto sempre di più, adesso il nostro rapporto è tranquillissimo, riuscirei a parlargli di tutto.

Lui è veramente moderno, conosce tanto“.

Il suo sogno sarebbe quello di avvicinare il padre ai nuovi generi musicali e, magari, di collaborare con uno dei giovani volti della musica di oggi: “Ogni volta che aveva il tempo ci accompagnava sempre a scuola e ci teneva tantissimo. In macchina nel tragitto gli facevamo ascoltare musica trap e queste canzoni non troppo del suo genere. Lui taceva però il mio sogno sarebbe quello di fargli fare un featuring con qualche trapper“.

I pregiudizi su di lei

Essere figlia di una celebrità della musica ha avuto anche il suo piccolo prezzo da pagare, come i pregiudizi e i commenti delle persone a lei vicine.

A raccontarlo è Jasmine stessa: “Da piccola soffrivo molto questa sovraesposizione. Andare a scuola e pensare che compagni e professori sapessero troppo, mi dava fastidio. Mi sentivo troppo esposta. Poi ho imparato a prenderne il lato positivo, perché iniziando ad entrare nella strada della musica mi ha fatto comodo: è stato un trampolino di lancio. Ma questo non esclude i pregiudizi e i momenti negativi“.

Approfondisci

Al Bano e Jasmine Carrisi, padre e figlia per la prima volta insieme in tv