Cronaca

Coronavirus, risalgono nuovi contagi e morti: il bollettino di oggi

Salgono i numeri dei morti, dei nuovi contagi e del tasso di positività del Covid-19 in Italia: i dati del bollettino di oggi
Medici in terapia intensiva per il Coronavirus

L’aggiornamento quotidiano con i numeri dell’emergenza Coronavirus in Italia. Mentre cresce l’attesa e l’incertezza circa il destino del premier Conte e la crisi di Governo, resta stabile e grave la misure dell’andamento epidemiologico. Da ieri, infatti, sono aumentati i contagi, i morti e anche il tasso di positività: le uniche note positive arrivano ancora dalla pressione sugli ospedali.

Covid-19, 522 morti in Italia da ieri

Dal prospetto diffuso dal Ministero della Salute, emerge che nelle ultime 24h sono stati effettuati altri 160.585 tamponi.

Tra questi, sono stati rilevati 17.246 nuovi casi di Covid-19, quasi 2 mila in più ma con 15mila tamponi in meno. Da qui l’aumento del tasso di positività, tornato al 10,7% con un rialzo dell’1,7%.

Torna a peggiorare anche la conta delle vittime da Covid-19: in 24h sono morte altre 522 persone, segnando un nuovo giorno sopra questa drammatica quota. In totale ora sono 80.848: già da ieri l’Italia è diventata il terzo Paese al mondo per numero di morti.

Terapie, ricoveri e guariti: il bollettino

Rispetto agli altri dati emersi in queste ore, sono 20.115 i nuovi guariti, per un totale di 1.694.051 persone sul totale di 2.336.279 che hanno contratto il virus in Italia.

I dati “positivi” arrivano dal segno meno di fronte alla voce terapie intensive (-22) e ricoveri in regime ordinario nei nostri ospedali (-415). Il nuovo dato da riportare da poche settimane è quello dei vaccinati, che oggi salgono a 896.498.

Oms chiede più solidarietà per i vaccini

Proprio riguardo al tema del vaccino contro il Coronavirus, va segnalato l’appello dell’Organizzazione Mondiale della Sanità: “tutti i Paesi in grado di contribuire a un accesso equo ai vaccini lo facciano“.

Il dato che preoccupa è quello relativo alle dosi utilizzate: il 95% è stato infatti impiegato in soli 10 Paesi.

Nello specifico, secondo quanto riportato dal sito Our World in Data si tratterebbe di Stati Uniti, Canada, Russia, Cina, Germania, Spagna, Israele, Emirati Arabi Uniti, Regno Unito e Italia.

Approfondisci

TUTTO sull’emergenza Coronavirus

TUTTE le notizie sul vaccino anti-Covid

Potrebbe interessarti