Carlo Cottarelli

Il profilo di Carlo Cottarelli, economista cremonese classe 1954, è noto anche nel mondo della politica italiana. La sua storia affonda le radici in un percorso di formazione tra Siena e Londra, e in una serie di importanti incarichi assunti nel corso di una carriera costellata di impegni tra l’Italia e gli Stati Uniti.

Carlo Cottarelli: biografia e carriera

Originario della provincia di Cremona, Carlo Cottarelli è nato il 18 agosto 1954 e si è affermato come economista. Ha conseguito la laurea in Scienze Economiche e Bancarie a Siena, e ha proseguito i suoi studi alla London School of Economics dividendosi tra l’Italia e il Regno Unito.

Nel suo percorso la firma di numerosi saggi in materia di politiche fiscali e monetarie, tra cui I sette peccati capitali dell’economia italiana (2018) e I dieci comandamenti dell’economia italiana (con A. De Nicola).

Nella carriera di Carlo Cottarelli non mancano incarichi importanti. Del 1981 il suo impiego nel Servizio Studi della Banca d’Italia, in carica fino al 1987 prima di passare, per un breve periodo, al Dipartimento monetario dell’Eni.

Nel 1988 è partito alla volta di Washington DC per lavorare al Fondo monetario internazionale. In seno all’Fmi, tra il 2008 e il 2013 è stato direttore del Dipartimento Affari di bilancio.

Proprio nel 2013, nell’era del Governo Letta, è stato nominato commissario per la revisione della spesa pubblica.

Un incarico che gli è valso il soprannome di “Mr spending review”, ribattezzato anche dalla stampa, riporta Adnkronos, come “Mister Forbici”. Dal 2017, è il direttore dell’Osservatorio sui Conti Pubblici Italiani dell’Università Cattolica di Milano.

Scopri chi è Mario Draghi, scelto da Mattarella dopo la crisi del Governo Conte

Carlo Cottarelli premier: l’ipotesi ricorrente nell’arena politca

L’ipotesi di un Carlo Cottarelli premier, a margine dell’apertura della crisi del Governo Conte bis innescata da Matteo Renzi nel 2020, è stata per giorni inserita nel ventaglio di prospettive insieme ai nomi di Marta Cartabia e Mario Draghi (quest’ultimo poi effettivamente convocato al Quirinale da Sergio Mattarella, dopo il fallimento del mandato esplorativo di Roberto Fico) ma è un orizzonte che lo stesso ex commissario alla Spending review ha rigettato.

E non si tratta di uno scenario inedito nella sua storia. Già nel 2018, infatti, fu convocato al Colle dopo la caduta del governo targato M5S – Lega, incaricato dal Presidente Mattarella di formare un esecutivo neutrale.

Perimetro d’azione poi tramontato con la nascita dell’alleanza tra M5S – Pd che portò alla genesi del secondo Governo Conte.

Chi spera in un governo guidato da me resterà deluso“, ha detto a La Stampa nel 2021, liquidando come irrealizzabile, di fatto, l’orizzonte rilanciato da più parti sul suo eventuale ruolo di Presidente del Consiglio.

La vita privata di Carlo Cottarelli

Per quanto riguarda la vita privata, è noto che Carlo Cottarelli ha sposato Miria Pigato e dalla loro unione sono nati due figli, Nicolò ed Elisa. Il primo lavorerebbe a New York dopo la laurea a Princeton, la seconda avrebbe invece intrapreso gli studi universitari alla Ucla, in California.

Nel ritratto della moglie di Cottarelli, come proposto dal Giornale di Vicenza, emerge che è originaria di Bassano e che, come il consorte, è un’affermata economista. Alle spalle gli studi a Londra e negli Stati Uniti, e ben 25 anni di vita vissuti a Washington con il marito.